background preloader

“Aula 3.0”, la classe flessibile del futuro - Organizzazione della scuola

“Aula 3.0”, la classe flessibile del futuro - Organizzazione della scuola
Il progetto ”Aula 3.0” fa diventare la classe flessibile, trasformandola in un laboratorio attivo di ricerca. La progettazione e l’attuazione di una classe flessibile implicano la correlazione di alcuni elementi fondamentali: l’organizzazione dello spazio fisico puntando su arredi funzionali agli studenti e alla didattica; l’uso delle nuove tecnologie della comunicazione; l’applicazione di metodologie innovative basate sul dialogo e sulla collaborazione tra insegnanti e studenti. Pochi mesi fa gli studenti dell’ITS “Luca Pacioli” di Crema, entrando nella propria classe, si sono trovati di fronte a una sorpresa: l’aula è priva di banchi e di cattedra; la classica lavagna nera (con i gessetti) è sparita. Lo sbalordimento è stato quello di trovarsi di fronte a un’aula arredata con tavoli colorati di forma circolare, scomponibili, adatti a essere utilizzati per il lavoro di gruppo. E ci sono anche i carrelli con le stampanti wireless multifunzione. Le sorprese non sono finite.

http://www.educationduepuntozero.it/organizzazione-della-scuola/aula-30-classe-flessibile-futuro-4084703308.shtml

Related:  AMBIENTI DI APPRENDIMENTONUOVI AMBIENTI PER L'APPRENDIMENTOClasse Capovoltasaracentofanti

Indire. Architetture pedagogiche Il tema dell’edilizia scolastica torna spesso all’attenzione di insegnanti e genitori per motivi che riguardano eventi luttuosi o inaugurazioni di edifici di nuova costruzione. Negli ultimi mesi però il tema ha acquisito una ulteriore sfumatura che riguarda la sensibilizzazione delle scuole al tema dello spazio legato ai modelli di apprendimento. L’urgenza è quella di affrontarlo non solo dal punto di vista dei metri quadrati di un’aula o della quantità di alunni che questa può contenere ma anche per la funzione che lo spazio didattico può avere nella sfera affettiva, sociale e cognitiva di uno studente, di qualunque età. In principio, fu Loris Malaguzzi che attribuì allo spazio il ruolo di “terzo insegnante”. Certo, il modello di scuola che immaginava il maestro di Reggio Emilia è specificatamente indirizzato alla scuola dell’infanzia. Di recente l’OCSE [4] ha pubblicato uno studio che analizza l’efficacia degli ambienti di apprendimento, l’Innovative Learning Environment.

Cos'è Edmodo, il social network per le scuole Nato nel 2008 dall'idea di due tecnici scolastici di Chicago, ha come obiettivo quello di connettere diverse esperienze scolastiche in tutto il mondo Somiglia a Facebook sotto molti aspetti. Per l'interfaccia grafica, ad esempio. Per le modalità di utilizzo e di interazione tra gli utenti. Ambienti di apprendimento Per le mie convinzioni epistemologiche ritengo che l’approccio formativo adeguato alla quasi totalità delle esigenze di apprendimento sia quello che porta a concepire, progettare, sviluppare e gestire “ambienti di apprendimento”. Ne sono convinto anche per i risultati che così si ottengono. Per questo lavoro volentieri, e con efficacia, quando mi viene chiesto di lavorare nell’ottica dell’ambiente di apprendimento. La metafora “ambiente di apprendimento” si contrappone, concettualmente, a “corso”.

Flipped Classroom: tre strumenti per creare lezioni capovolte Si parla sempre con maggior insistenza di Flipped Classroom, metodologia in cui viene capovolto il normale schema di lavoro in classe che non vede più al centro l'insegnante e la lezione frontale, ma sono gli alunni a costruire collaborativamente i loro percorsi di apprendimento, lavorando su materiali didattici selezionati dal docente-facilitatore. Le tecnologie consentono di utlizzare piattaforme digitali per la gestione della flipped classroom e per creare lezioni capovolte. Ve ne segnalo tre. eduCanon è un servizio gratuito per la creazione di "lezioni capovolte", l'assegnazione di attività e il monitoraggio dei progressi dei vostri studenti. EduCanon permette agli insegnanti di creare lezioni utilizzando video YouTube e Vimeo, di creare domande relative ai video, quindi di assegnare compiti agli studenti. Per creare una lezione occorre identificare un argomento e un obiettivo ed operare la ricerca su YouTube e Vimeo all'interno del sito.

Usare Moodle. Manuale di didattica Le attiit didattice nell’ambit delle qali sn state realiati gli si di M-dle ggett di qesta pbblicaine sn state realiate dalle insegnanti e dagliinsegnanti della Frmaine Pressinale in linga italiana delle scle dellaRipartiine 21 della Princia Atnma di Blan nell’ambit del prgett,c-naniat dal FSE, “Pinieri Pls”.Il team di prgett è cstitit da Andrea Bllara (crdinatre), Peter Littri(reerente per la rmaine degli insegnanti), Gianni Marcnat (reerentescientic), Rbert De Clle (amministratre dell’inrastrttra tecnlgica),Andrea Biccil (mantenine Mdle). sbn epub

Classe Capovolta - FC e EAS - Esempi di Flipped In questo spazio sono stati inseriti alcuni esempi di lezioni in modalità flipped sperimentate da alcuni docenti e condivise in rete. di seguito troverete una lezione svolta da me in una classe gweb nel 2012.ESEMPIO DI FLIPPED LESSONSCONTESTO: questa lezione è stata sviluppata con gli alunni della 3^ API settore chimico biologico dell'ISIS Ponti di Gallarate. ARGOMENTO: Spettrofotometria in assorbimento atomico. FASE 1: Ogni ragazzo dovrà accedere al mio sito www.smauro.it, che è libero senza alcun account, per visionare la lezione, generalmente si tratta di un video o di una semplice presentazione multimediale, tutto questo entro una data prestabilita.SMU (Supporto multimediale usato): per questa fase è necessaio disporre di un sito ma va anche bene una piattaforma tipo Moodle o Kairos dove è possibile appendere il materiale da visionare, potrebbe bastare anche un cloud ma con molti limiti di organizzazione dei materiali.

La Commissione Europea adotta il PON "Per la Scuola - competenze e ambienti per l'apprendimento" La scorsa settimana la Commissione Europea ha formalmente adottato il Programma Operativo Nazionale “Per la Scuola - competenze e ambienti per l'apprendimento”. Il contesto Nel giugno 2010 il Consiglio europeo ha adottato la Strategia Europa 2020 al fine di stimolare una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva. Uno dei pilastri della Strategia è relativo all’Istruzione con i seguenti obiettivi prioritari: Riduzione dei tassi di abbandono scolastico precoce al di sotto del 10% aumento al 40% dei 30-34enni con un'istruzione universitaria. Il 29 ottobre scorso, dopo una lunga ed estenuante trattativa, la Commissione Europea ha adottato l’Accordo di Partenariato per la politica di coesione relativo ai Fondi Strutturali e di Investimento Europei (Fondi SIE).

Classi a testa in giù: 9 consigli per capovolgere la scuola L’innovazione a scuola spesso nasce da un’esigenza concreta. Raramente un insegnante si sveglia la mattina con in testa un’idea geniale che rivoluzioni il modo d’insegnare; la maggior parte delle volte si deve risolvere un problema, e la sua soluzione, apparentemente banale, diventa una di quelle cose che ci fanno esclamare: “Perché non c’avevamo pensato prima?!“. La flipped classroom è una di quelle cose. Talmente semplice, talmente immediata da essere geniale. sito ufficiale Il modello “industriale” e lo spazio dell’ascolto Quanto tempo trascorre nell’edificio scolastico un alunno della scuola dell’obbligo? Nei giorni di scuola, almeno un terzo del proprio tempo. Non considerando la ricreazione e la pausa mensa possiamo stimare in almeno cinque ore quotidiane il tempo medio passato dagli alunni in aula, equivalente a quello trascorso nella propria casa e in attività sportive e ricreative.

FLIPPED #1 Related keywords: Flipped , Learning , Network , Educational , Vodcasting , Flipped , Learning , Network , / , Hom , FlippedClassroom , | L’Aula del XXI Secolo come Ambiente di Apprendimento La “Scuola” intesa come Spazio Fisico Nel dibattito sulla riforma della scuola viene spesso sottovalutata l’importanza della scuola intesa come “Habitat“, spazio fisico e architettonico in cui ha luogo il processo di insegnamento e apprendimento. L’idea che gli ambienti in cui si svolge l’attività educativa siano come lo Spazio newtoniano “vuoti contenitori” caratterizzati da uniformità e universale omologazione, ha radici antiche nella scuola italiana. Negli altri paesi monitorati dall’OECD, esistono architetti specializzati nello School Design, che lavorano insieme ai rappresentanti di docenti e studenti per creare gli spazi educativi. Ma è davvero irrilevante lo spazio nel quale si svolge la didattica? Può migliorare l’apprendimento scolastico in edifici cadenti e fuori norma? L’ambiente didattico deve essere solo uno scatolone vuoto?

The 25 best education apps for connected classrooms Figuring out which tool is right for the job is something we all struggle with every day. Whether you’re a contractor, plumber, or teacher, there’s a lot of options to choose from. Teachers managing connected classrooms have it quite rough, though. There’s an embarassment of riches when it comes to apps, web tools, and digital services that want to make your life easier. La flipped classroom non è una moda! Il fatto che ultimamente se ne parli così tanto potrebbe indurre a pensare che si tratti solo di una delle stravaganti tendenze in ambito educativo che di tanto in tanto approdano qui da qualche paese straniero dove – peraltro – il sistema scolastico risulta profondamente diverso dal nostro come altrettanto diversa è la società e le persone che la compongono. Ebbene, questa volta non è così! E’ vero, la flipped classroom viene dall’America, dagli Stati Uniti per la precisione, e l’hanno “inventata” una decina di anni fa due insegnanti di chimica di un liceo del Colorado, Jonathan Bergmann e Aaron Sams. Preoccupati dall’alto tasso di assenteismo tra i loro alunni, ma soprattutto stanchi del tradizionale ciclo “lezione frontale + verifica” ripetuto monotonamente nelle loro classi – peraltro con una materia notoriamente poco “seducente” come la chimica – Sams e Bergmann si sono interrogati su come “vivacizzare” le proprie lezioni e rendere più attivi e partecipi i propri studenti. Mi piace:

Related: