background preloader

Community_manager

Facebook Twitter

Community manager. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Community manager

Il community manager (online community manager) è un addetto alla gestione di una comunità virtuale (detta anche comunità online), con i compiti di progettarne la struttura e di coordinarne le attività. È una professione legata al web 2.0. Startup della comunità[modifica | modifica wikitesto] IWA Italy Web Skills Profiles. ESCO - Concept. La community è aziendale cos l'ufficio è più efficiente. Di MANFREDI LIPAROTI È nato col web e col web sta evolvendo: dall'animazione – volontaristica – di forum di appassionati di videogame e di tecnologie varie, alla gestione – per lavoro – di comunità online, pagine e profili nei principali social network con migliaia e migliaia di membri sparsi per il mondo.

La community è aziendale cos l'ufficio è più efficiente

L'ultimo passaggio, almeno fino adesso, è quello che porta il community manager a occuparsi non più del marketing o della promozione, quasi sempre di un brand o di un prodotto, ma piuttosto di quello che è il cuore pulsante delle grandi imprese: la conoscenza e il know-how dei dipendenti, che sono il presupposto di qualsiasi innovazione e del raggiungimento di ogni risultato. Per spiegare quello che negli Stati Uniti è definito manager di “community of practice” e che per comodità si potrebbe chiamare comunity manager aziendale, c'è Ivan Butina, 30enne italo-bosniaco da sei anni a Washington.

Community manager, cosa fa e come diventarlo - U2B. Community manager, cosa fa e come diventarlo Pubblicato il 6 giugno 2016 Continua il nostro viaggio tra le professioni digitali.

Community manager, cosa fa e come diventarlo - U2B

Accanto al Social Media Manager e al Social Media Strategist (due figure che spesso nelle piccole e medie imprese possono coincidere), uno dei professionisti digitali più presenti nelle aziende è il Community Manager. Lavoro, come diventare Community manager - Panorama. Businessman and businesswoman working on a laptop.

Lavoro, come diventare Community manager - Panorama

[url= di Luca Orioli Sempre più spesso sento frasi del tipo “quello che viene scritto sul web non è cancellabile, rimarrà per sempre, quindi fate attenzione a quello che scrivete e postate!!”. Infografica della settimana. Il community manager. Alzi la mano chi sa esattamente chi è il Community Manager.

Però si può citare volendo. Hai visto quella di Frankestein? – giorgiasanna
Bellissima, peccato non si possa modificare:-( – kimcommisso
Ciao care, guardate che bellina questa infografica. – giorgiasanna

Eh sì, perché questa è una delle nuove professioni nate dal web e soprattutto dai social media.

Infografica della settimana. Il community manager

Stiamo parlando di una professione poliedrica, ancora poco conosciuta soprattutto da chi non è addetto ai lavori e quindi spesso sottovalutata. Ormai il community Manager ha un ruolo cruciale all’interno di agenzie e brand. Da una parte è colui che si occupa della reputation e del posizionamento del brand in rete, dall’altro ha il ruolo non meno importante di ridurre i costi di customer care e supporto, aumentare la soddisfazione dei consumatori e guidare i processi di innovazione prodotto.

Sei un community manager? Sei come Frankenstein! Ecco perché! Alle volte, dall’esterno soprattutto, potrebbe non emergere quanto impegnativa e importante possa essere l’attività svolta da un community manager.

Sei un community manager? Sei come Frankenstein! Ecco perché!

La gestione infatti di una community di persone molto variegate tra loro con ovvi comportamenti diversi, idee diverse e soprattutto approcci diversi potrebbe metter davvero in crisi degli amministratori non ben allenati. Se pensiamo a quante volte, probabilmente, siamo incorsi in strafalcioni sulle pagine siamo quasi con certezza sicuri che essi sono stati generati principalmente dall’idea di voler mettere in mostra se stessi, come persona e non come brand, in modo incondizionato senza tener conto del fatto che ci si sta rivolgendo ad un popolo che, come nelle più famose rivolte, può scatenarsi nei confronti di un brand o azienda che si promuove tramite i social.