background preloader

Intorno all'Alchimia

Facebook Twitter

Mutus Liber. Altus Mutus Liber Commentario di Jean Laplace (introduzione e traduzione dal francese di D.

Mutus Liber

Ferrero) Il Mutus Liber - "Libro Muto" in quanto sprovvisto di testo - rappresenta forse il più famoso ed enigmatico testo alchemico. In sole 15 tavole, sono illustrate tutte le operazioni fondamentali della Grande Opera attraverso un insieme di immagini allegoriche, ricche di dettagli, il cui simbolismo il lettore è chiamato ad interpretare.

Le uniche frasi scritte si trovano nella prima, nella penultima e nell'ultima tavola. Nella prima tavola leggiamo: "MUTUS LIBER, IN QUO TAMEN tota Philosophia hermetica, figuris hieroglyphicis depingitur, ter optimo maximo Deo misericordi consecratus, solisque filiis artis dedicatus, authore cuius nomen est Altus. 21.11.82. Le enigmatiche serie di numeri e di sigle che seguono vanno lette al contrario (da destra a sinistra) e si rivelano essere dei riferimenti a specifici versetti biblici: Gen. 28.12-12, Gen. 27.28-39, Deut. 33.13-28. Lambsprinck - dal De Lapide Philosophico Libellus lambsprinck, lapide philosophico, alchimia, iconografia alchemica. Pagina on-line dal 27/04/2012 Il frontespizio interno del De Lapide Philosophico Libellus di Lambsprinck nell'ediziione del Theatrum Chemicum Reformatum et Amplificatum (1678).

Lambsprinck - dal De Lapide Philosophico Libellus lambsprinck, lapide philosophico, alchimia, iconografia alchemica

Tra i cicli iconografici della ricchissima tradizione alchemica, sicuramente un posto di rilievo merita il ciclo di quindici immagini associato ai versi del De Lapide Philosophico libellus di Lambsprinck. STORIA ALCHIMIA. Vediamo ora le rappresentazioni che vari alchimisti davano dei nomi di tabella.

STORIA ALCHIMIA

Da Michael Maier, Symbola aureae mensae, 1617. Rappresentazione di Hermes Trismegisto con il Sole e la Luna. "Il Sole è il padre del suo sposo e la bianca Luna segue come terzo il governatore Fuoco". Il leone e la leonessa alata da Michael Maier, Atalanta fugiens, Oppenheim 1618. LUX OBNUBILATA. Daria Mueller - Benvenuti tra le stelle. Articoli Falconetto e il Ciclo di affreschi di Palazzo d’Arco a Mantova : un Teatro della Memoria della Grande Opera.

Daria Mueller - Benvenuti tra le stelle

Prima di tutto soffermiamoci sulla porta d’ingresso e retinizziamo i Segni dello zodiaco che si offrono al nostro sguardo (sono 7). Poi procediamo a studiare la loro disposizione: come in ogni tempio che si rispetti, c’è sempre un ordine, una direzione voluta. Dei quattro momenti cardine del percorso del Sole, e cioè delle stagioni, è chiaramente messo in rilievo l’asse degli equinozi (da Nord a Sud) rispetto a quello dei solstizi (da Est a Ovest). Sui due lati corti della sala rettangolare (10 m x 15 ca.) si fronteggiano infatti – ma ricordo che, in astrologia, i Segni opposti sono complementari perché appartengono sempre ad Elementi che si “amano”- i due Segni equinoziali:

Alchimia la Scienza dei folli - Dedicatoria. Ars Regia- IL METODO. Alchimia ed ermetismo: I fondamenti teorici della filosofia ermetica / 2 Paolo Lucarelli - Saggista La storia ed i principi teorici dell'alchimia spiegati e commentati da Paolo Lucarelli, insigne studioso di ermetismo, per molti anni allievo del maestro Eugéne Canseliet.

Ars Regia- IL METODO

In questo secondo intervento l'autore parla del metodo dell'alchimia e della figura dell'alchimista, evidenziandone caratteristiche fondamentali e presupposti necessari. L'alchimista e il suo laboratorio, olio di Thomas Wyck (1616-1677). L'evidente disordine del laboratorio tende a caratterizzare l'alchimista come uno studioso un pò pasticcione, secondo un modello "scettico" già caro a Bruegel. Mysterium coniunctionis: C.G. Jung e l'alchimia (Carlo Alberto Cicali, Dario Squilloni, Antonio Tirinato) Mysterium coniunctionis: C.G.

Mysterium coniunctionis: C.G. Jung e l'alchimia (Carlo Alberto Cicali, Dario Squilloni, Antonio Tirinato)

Jung e l'alchimia (Carlo Alberto Cicali, Dario Squilloni, Antonio Tirinato) Jung e l'alchimia (A. D'Alonzo) Jung e l'alchimia (A.

Jung e l'alchimia (A. D'Alonzo)

D'Alonzo) Premessa. Il presente elaborato è incentrato sull’interpretazione junghiana degli scritti di Zosimo di Panopoli, in particolare il Peri aretes. Ho riportato nella nota bibliografica i diversi testi di Jung dedicati all’alchimia. Cristianesimo e Alchimia. (Su un emblema alchemico che fa da frontespizio al commentario biblico di un monaco del XVII secolo) Introduzione Uno dei testi a cui riferirsi nello studio delle Scritture è costituito dalle “Glossae” medievali di Strabone e di Nicola di Lyra, per la massa di informazioni che vi si trovano.

Cristianesimo e Alchimia

Basilio Valentino - Le 12 chiavi. Twelve Keys of Basil Valentine. Ricreazioni Ermetiche. Ricreazioni Ermetiche Le scienze subiscono come tutte le altre cose le vicissitudini del tempo, e degenerano piuttosto che acquisire accrescimento.

Ricreazioni Ermetiche

Gli uomini sistematici, accolti da tutte le parti, hanno seminato il disordine nel vasto campo dell'immaginazione, e i fiori più bizzarri ne sono stati prodotti: questi fiori hanno ricevuto infine un tale favore da eguagliare i migliori libri, i più bei discorsi sono reputati senza valore, se non ne sono ornati. La scienza da cui tutte le altre derivano, quella della Natura, è caduta in un tale discredito, che oggi si ricopre di ridicolo tutti coloro che le si sanno dediti. Via UMIDA. Scolii alle Ricreazioni Ermetiche. Scolii.

Scolii alle Ricreazioni Ermetiche

Via SECCA. Emblemi dell'Atalanta Fugiens. Guido Reni, Atalanta e Ippomene, 1625. Andremo a presentare ora, dopo la grande opera nota come Splendor Solis, uno dei testi di alchimia più famosi e ricco di immagini, forse il più di tutti. Si tratta dell'Atalanta Fugiens di Michael Maier (1568-1622), vissuto a lungo nell'ambiente di corte ai tempi dell'imperatore Rodolfo II di cui era medico e segretario privato. Quest'opera è famosa anche per le sue cinquanta fughe che ne fanno un'opera assolutamente unica. Non soltanto testo ed immagini, entrambi ricchi di simbolismo sollecitano il lettore ma anche la musica aggiunge in questo quadro già intenso di per sé, come è tipico dei testi alchemici, una nuova dimensione interpretativa e suggestiva, soprattutto.

Il lettore moderno è in un certo senso molto fortunato, perché se non è in grado di apprezzare l'aspetto musicale del testo in quanto privo di cognizioni di questa arte, può utilizzare il potente mezzo che è internet per ricercare delle versioni on line delle 50 fughe. Michael Maier - FUGHE (Midi files) Michael Maier e l'Atalanta Fugiens (Stefania Quattrone) "Enigmatico" medico di derivazione paracelsana, Conte Palatino, alchimista, promotore di riforme, Maier fu uno tra i principali teorici della dottrina Rosa - Croce.

La sua fama è indissolubilmente legata ad uno dei più celebri libri di "emblemi" della storia, l'Atalanta Fugiens, opera apparentemente bizzarra nella quale la musica ed altri elementi "artistici" formano un tutt'uno con l'esposizione ermetica. La Sylva Philosophorum. La Sylva Philosophorum. Un Alchimista di nome Orfeo in una tarsia rinascimentale senese del 1500 - Riflessioni sull'Alchimia di Elena Frasca Odorizzi. Di Elena Frasca Odorizzi indice articoli Un Alchimista di nome Orfeo in una tarsia rinascimentale senese del 1500. Aprile 2008 Revisionato nel mese di Gennaio 2012 pagina 1/5 - pagina successiva a) Le Vicende di Orfeo b) Orfeo sciamano e profeta c) I Legami tra lo Sciamanesimo e l'Alchimia. Viaggio nella Tavola di Smeraldo tra Protochimica e Filosofia Ermetica. Origini, significato e attualità - pagina 8 - Riflessioni sull'Alchimia di Elena Frasca Odorizzi.

Di Elena Frasca Odorizzi indice articoli tra Protochimica e Filosofia Ermetica.Origini, significato e attualità. Giugno 2011pagina 8/11 - pagina precedente - pagina successiva F) Separabis terram ab igne, subtile a spisso, suauiter, cum magno ingenio. HERMES – THOTH. Stefano Mayorca: “LA LUNA” – Influssi, Poteri, Leggende. HERMES : Greek God of Herds, Trade & Athletics, Herald of the Gods. Mito di Orfeo ed Euridice. THE ORPHIC HYMNS 1 - 40.

THE ORPHIC HYMNS are a collection of 87 short religious poems composed in either the late Hellenistic (C3rd or C2nd BC) or early Roman (C1st to C2nd AD) era. They are based on the beliefs of Orphism, a mystery cult or religious philosophy which claimed descent from the teachings of the mythical hero Orpheus. The 1792 translation by Taylor with his notes is still available in print. However a much more accurate, modern translation by A. Athanassakis has since been released. See the booklist right for details of these two volumes and other related works on Orphism. NOTES ON FORMAT: 1) I have compacted each of Taylor's verse couplets into a single line to shorten the page and make the information easier to print. 2) Taylor has translated most of the Greek names to their Latin equivalents. Attend Musæus to my sacred song, and learn what rites to sacrifice belong.

Uovo Orfico. S. Michelspacher, Cabala, speculum artis et naturae... Heinrich Khunrath's Amphitheatrum sapientiae aeternae. Heinrich Khunrath, Amphitheatrum sapientiae aeternae [Hamburg: s.n., 1595] is an alchemical classic, the best known of Heinrich Khunrath's works. The work is infused with a strange combination of Christianity and magic, illustrated with elaborate, hand-colored, engraved plates heightened with gold and silver. The tension between spirituality and experiment, and the rich symbolism of Khunrath's writings and their engravings brought condemnation of the book by the Sorbonne in 1625, and now attracts attention from scholars. Located in the Duveen Collection in the Department of Special Collections, University of Wisconsin-Madison, this is a rare copy of the first edition of this work, published probably in Hamburg in 1595.

Splendor Solis. Ms. Harley 3469. The Splendor Solis of Salomon Trismosin with 22 Colored Plates. By Salomon Trismosin The 22 Colored Plates depicting the 22 Alchemical Stages of Salomon Trismosin's "Splendor Solis" are available for browsing from this page. The original manuscript of these plates is in the British Museum, and dated 1582. Though the earliest version is considered to be at Kupferstichkabinett in the Prussian State Museum in Berlin, and dated 1532-35. The text of this famous work have been translated by Joscelyn Godwin and printed by Phanes Press.

A Yogi Publications edition also contains a biography of Trismosin, with his quest for and eventual attainment of the Philosopher Stone written in 1498.