background preloader

RINASCIMENTO IN ITALIA ED IN INGHILTERRA

Facebook Twitter

RINASCIMENTO: linea del tempo. RINASCIMENTO. ITALIA 1494. RINASCIMENTO IN ITALIA. GUTENBERG. GIULIANOVA: CITTÀ IDEALE DEL RINASCIMENTO. LEONARDO DA VINCI. L'ARTE RINASCIMENTALE. 1500: L`INGHILTERRA DI ELISABETTA I. RINASCIMENTO INGLESE. GLOBE THEATRE. TEATRO ELISABETTIANO. TEATRO DI SHAKESPEARE. IL SONETTO IN ITALIA. TASSO TRA "AMINTA" E "GERUSALEMME LIBERATA" Ne La Gerusalemme liberata e in altre opere, per esempio L’Aminta, Tasso conserva alcuni stati d’animo, alcune manifestazioni che erano proprie del primo Cinquecento, cioè di quella cultura laica, libera, spensierata che per pochissimo tempo era arrivata al massimo del suo splendore e proprio mentre era nel momento di massimo splendore già intravedeva la sua fine.

TASSO TRA "AMINTA" E "GERUSALEMME LIBERATA"

Il destino di Tasso è proprio quello di dover tenere collegati questi due aspetti: la libertà, la spensieratezza, il piacere del Rinascimento con l’esigenza della Controriforma. Guardiamo innanzitutto il coro dell’atto I de L’Aminta: O bella età de l'oro,non già perché di lattese 'n corse il fiume e stillò mele il bosco:non perché i frutti lorodier da l'aratro intattele terre e gli angui errâr senz'ira o tosco:non perché nuvol fosconon spiegò allor suo velo,ma in primavera eterna,ch'ora s'accende e verna,rise di luce e di sereno il cielo;né portò peregrinoo guerra o merce a gli altrui lidi il pino. TORQUATO TASSO. TORQUATO TASSO. GIAMPIERI - CONFRONTO TRA TASSO E SHAKESPEARE. Banca Dati "Nuovo Rinascimento" Il Tasso tra gli elisabettianiIpotesi su Amleto Noi italiani, generalmente cattivi lettori (del nostro più ancora che dell'altrui), siamo conoscitori provinciali e superficiali dei nostri sommi poeti, i quali da Dante al Tasso (forse bisognerà deciderci a includere Marino) sono i padri delle moderne letterature europee: dal Portogallo alla Polonia, dalla Spagna alla Romania...

GIAMPIERI - CONFRONTO TRA TASSO E SHAKESPEARE

Incluse naturalmente Inghilterra, Francia e Germania, al primo posto tra le nazioni che ci sono debitrici. IL SONETTO IN INGHILTERRA. I SONETTI DI SHAKESPEARE. Il sonetto fu importato in Inghilterra durante il regno di Enrico VIII da un gruppo di poeti di corte che avevano come modello il Canzoniere di Petrarca.

I SONETTI DI SHAKESPEARE

Fu Henry Howard, Conte di Surrey, a cambiare la forma e la struttura metrica del sonetto petrarchesco creando quello che verrà chiamato Elizabethan sonnet (sonetto elisabettiano) o anche Shakespearean sonnet, che non prevede più 2 quartine e 2 terzine ma 3 quartine a rima alternata e 1 distico finale a rima baciata. I Sonnets di Shakespeare vengono pubblicati nel 1609, dall'editore Thomas Thorpe, il quale firma anche (con le sole iniziali) la criptica dedica del volume, dedicato a un misterioso Mr W. H. La raccolta conta 154 sonetti divisi in 2 parti: la prima parte, fino al sonetto 126, è dedicata al “Fair youth”, un giovane di grandi virtù e di bell'aspetto che funge da perno attorno al quale l'intera raccolta si muove. Errori tecnici o di contenuto? Utopie letterarie e utopie storiche: da Thomas More a Müntzer. La modernità segna una vera irruzione dell’utopia nella storia: l’utopia, il progetto di trasformazione della società secondo giustizia, benessere, pace.

Utopie letterarie e utopie storiche: da Thomas More a Müntzer

Dal piccolo prezioso libro di Thomas More e dall’isola di cui era il nome si espande in centinaia di progetti politici. E subito subentrano i movimenti che tentano la trasformazione: nel Cinquecento la guerra contadina tedesca con il suo profeta Thomas Müntzer; l’anabattismo, in particolare la “fattoria fraterna”, che inizia la sua storia esemplare. Utopia, la parola, il suo senso La parola è coniata da Thomas More, l’umanista e uomo politico inglese, cancelliere di Enrico VIII dal 1529 al 1532, incarcerato, condannato, giustiziato nel 1535 per non aver accettato l’Atto di supremazia, la legge con cui il despota crea la Chiesa inglese e se ne fa capo per poter ripudiare la moglie che non gli dava un erede maschio.

EUFUISMO. SHAKESPEARE. SHAKESPEARE. LA MUSICA DEL TARDO RINASCIMENTO E PROTOBAROCCO IN INGHILTERRA. L'isolamento dell'Inghilterra, che sotto molti aspetti giocò a sfavore di quei territori nel corso della storia, fu invece provvidenziale dal punto di vista musicale: infatti tra la fine del 1200 e i primi decenni del secolo successivo, mentre nel resto d'Europa imperava un gregoriano ferreo ed essenziale, caratterizzato da toni contigui, nell'isola britannica si era sviluppata una produzione vocale basata sugli intervalli e su maggiore dinamismo e varietà melodica.

LA MUSICA DEL TARDO RINASCIMENTO E PROTOBAROCCO IN INGHILTERRA

Questo carattere peculiare, che prelude i virtuosismi e i “salti” armonici delle cantori e dei consort profani rinascimentali, conferì al marigale di stampo anglosassone uno stile più fresco e mosso rispetto ad analoghe composizioni europee e rese l'Inghilterra erede di una nobile tradizione corale e polifonica viva ancora oggi nelle sue cattedrali. Problemi di culto Shakespeare e la musica. BIBLIOGRAFIA GENERALE. RELAZIONE CONCLUSIVA.