background preloader

Stmass

Facebook Twitter

L’uso delle tecnologie nella didattica della matematica: l’esperienza dell’ITSOS “Marie Curie” 1.

L’uso delle tecnologie nella didattica della matematica: l’esperienza dell’ITSOS “Marie Curie”

Le difficoltà nell’insegnamento della matematica Come è universalmente noto la matematica risulta una delle materie più odiate dagli studenti, la materia difficile per eccellenza, la ragione di innumerevoli fallimenti. Di più: viene vissuta come un ostacolo seminato da una qualche entità misteriosa e malevola nel curriculum scolastico dello sventurato discente, a partire dalla prima elementare fino all’università, dove gli esami di matematica, affrontati sempre per ultimi, sono spesso tra le cause di abbandono. I motivi delle difficoltà nell’acquisizione di concetti matematici sono molteplici. 2. Le prime esperienze ITSOS nell’uso del PC come supporto alla didattica della matematica Nel triennio, per gli indirizzi nei quali sono previste ore curricolari di laboratorio, il PC viene usato per svolgere attività quali - problemi nei quali si deve operare con grandi quantità di dati, legati tra loro da relazioni a volte complesse, che implicano elaborate tecniche di calcolo. 3. 4.

L’uso delle tecnologie nella didattica della matematica: l’esperienza dell’ITSOS “Marie Curie” La genetica di Mendel: definizione di genotipo, fenotipo, eterozigote, omozigote, allele recessivo e dominante e l'uso del quadrato di Punnett. In questo video vengono esposti i principi della genetica mendeliana, sottolineando l'importanza dei risultati ottenuti dal abate boemo Gregor Mendel nei suoi studi sull'ereditarietà biologica e della novità metodologica introdotta.

La genetica di Mendel: definizione di genotipo, fenotipo, eterozigote, omozigote, allele recessivo e dominante e l'uso del quadrato di Punnett

Mendel, studiando la pianta di pisello odoroso, isola alcuni caratteri specifici delle piante, ciascuno dei quali può presentarsi in due forme, tra loro antagoniste: posizione del fiore (apicale o terminale), colore del fiore (violetto o bianco), eccetera. Attraverso i suoi esperimenti, Mendel intuisce che ciascun carattere è trasmesso alle generazioni successive da quantità discrete, scindibili e rimescolabili, detti alleli. Facendo autoimpollinare piante della prima generazione filiale Mendel ottiene una seconda generazione filiale, in cui i caratteri recessivi riappaiono: ciò è dovuto alla presenza di alleli dominanti o recessivi nella formazione dei gameti. Questo permette a Mendel di enunciare la Legge della Segregazione dei Caratteri. 4 Changes That Will Shape The Classroom Of The Future: Making Education Fully Technological - eLearning Industry.

How will the classroom of the future look like?

4 Changes That Will Shape The Classroom Of The Future: Making Education Fully Technological - eLearning Industry

Here are some of the changes that have already become commonplace in the classroom: Online posting of grades and assignments.Group projects completed through collaborative software.Assignments completed online and uploaded through classroom portals.Students using cloud storage instead of flash drives or paper to store their work.Teachers, parents, students, and administrators communicating via social media platforms designed specifically for education.

These are just the changes that have been rolled out in average schools. Sketchboard.io: Online Sketch Diagramming Whiteboard for Teams. Un esempio di Problem Based Learning in classe: “Piante a Rischio” Il Pbl (Problem Based Learning) è una metodologia didattica attiva, vale a dire centrata sul problema e sull’alunno (in singolo o in gruppo) che deve risolverlo.

Un esempio di Problem Based Learning in classe: “Piante a Rischio”

A differenza della lezione frontale, non viene spiegato un contenuto, piuttosto vengono dati alcuni (non tutti) gli elementi per risolvere un problema reale, la cui risoluzione porta ad apprendere altri concetti inizialmente non noti. E’ una metodologia che riscuote un certo successo poichè mette gli studenti al centro del proprio processo di apprendimento.

Richiede di norma tempi lunghi (2 settimane) ed in essa la funzione del docente è più che altro quella del tutor o mentor. Nell’esempio seguente si prospetta un problema reale di biologia: “Le piante a rischio: cosa fare per evitarne l’estinzione” Emiliano Onori designdidattico.com. Accedi - Google Account. OwnCloud.org. La robotica nella scuola delle competenze – BRICKS. Le premesse In questi ultimi anni il mondo della scuola è stato coinvolto (in molti casi travolto) da tutta una serie di novità che, spesso, hanno cambiato la prospettiva dell’insegnamento e di conseguenza dell’apprendimento.

La robotica nella scuola delle competenze – BRICKS

L’idea di una didattica soprattutto trasmissiva, cattedratica non è più adatta per i nostri studenti che hanno sempre più necessità di “guardare dentro le cose”, di “sporcarsi le mani”. La robotica può essere considerata, a tutti gli effetti, una attività innovativa che contribuisce in maniera forte all’acquisizione delle competenze non solo disciplinari, ma anche relazionali, comunicative e che tocca, quindi, aspetti non solo strettamente didattici, ma anche educativi. Nell’organizzare un’attività di robotica sono sicuramente da privilegiare i cosiddetti “metodi attivi” che respingono il ruolo passivo, dipendente e sostanzialmente ricettivo dell’allievo, essi comportano la partecipazione sentita e consapevole dello studente.

Pagine

The Definition Of Digital Literacy. The Definition Of Digital Literacy by Terry Heick When we think of digital literacy, we usually think of research–finding, evaluating, and properly crediting digital sources.

The Definition Of Digital Literacy

Digital Literacy. 'Digital literacy is a complex and contested term.

Digital Literacy

It is often understood as the ability to participate in a range of critical and creative practices that involve understanding, sharing and creating meaning with different kinds of technology and media ...' This made me realise that I needed to change my thinking - and the website page! It's taken me a long while getting around to it - and now it is a relatively naked page waiting to be dressed. I need to do it properly, so need to read and reflect. Portale didattico: Login to the site. Don't worry baby with lyrics. 10 Assessments You Can Perform In 90 Seconds. 10 Assessments You Can Perform In 90 Seconds by TeachThought Staff Good assessment is frequent assessment.

10 Assessments You Can Perform In 90 Seconds

Any assessment is designed to provide a snapshot of student understand—the more snapshots, the more complete the full picture of knowledge. On its best day, an assessment will be 100% effective, telling you exactly what a student understands. More commonly, the return will be significantly lower as the wording of questions, the student’s sense of self-efficacy, or other factors diminish their assessment performance.