background preloader

ALIMENTAZIONE

Facebook Twitter

Il Cibo Nei Promessi Sposi - Tema di Italiano gratis Studenti.it. ALIMENTAZIONE. SAPERMANGIARE.MOBI - Scelgo per vivere meglio. Alimentazione. L'alimentazione costituisce una delle necessità primarie dell'essere umano, per questa ragione essa ha assunto in tutte le civiltà un'importanza simbolica fondamentale alla quale devono essere ricondotte le interdizioni — seppur relative a cibi differenti — presenti in quasi tutte le religioni.

Alimentazione

Al di là di tali interdizioni, indipendenti da ragioni di carattere contingente, l'alimentazione dell'uomo è naturalmente sempre stata influenzata dalle condizioni ambientali e climatiche, dal grado di sviluppo socioculturale raggiunto, dalle attività economiche esercitate, dalle abitudini acquisite nelle diverse epoche storiche e, in tempi più recenti, anche dalla moda. Anche a proposito dell'alimentazione è fondamentale la distinzione fra civiltà nomadi e civiltà sedentarie. Medie wfp277342. Giornata mondiale dell’alimentazione 2016 – Di Maria Caterina Vittori Cambiamenti climatici e produzione di cibo, alimentazione e salute, obesità, denutrizione e spreco alimentare sono tematiche strettamente connesse e al centro della Giornata mondiale dell’alimentazione che si è celebrata come ogni anno il 16 ottobre.

Giornata mondiale dell’alimentazione 2016 –

Acquisire un atteggiamento di rispetto per l’ambiente, rendersi conto dei mutamenti climatici e delle loro conseguenze, conoscere e combattere le diseguaglianze mondiali nell’accesso all’acqua e al cibo, seguire corrette abitudini alimentari per tutelare nello stesso tempo le risorse e la salute, sono tutti obiettivi centrali in una didattica che si proponga di rendere i ragazzi consapevoli nelle proprie scelte di vita, immediate e future.

Per progettare interventi educativi su questi temi, si possono sfruttare i numerosi spunti offerti su molteplici siti con materiali di diversa natura. Eccone alcuni. ALIMENTAZIONE in "Enciclopedia Italiana" (II, p. 498; App.

ALIMENTAZIONE in "Enciclopedia Italiana"

I, p. 87; II, I, p. 136; III, I, p. 70; IV, I, p. 101). Alimentazione umana e progresso scientifico. - Negli ultimi decenni del 20° secolo, si è conclusa una fase storica dello sviluppo scientifico in materia, iniziato nella seconda metà dell'Ottocento. Di fatto, l'interesse e gli indirizzi di ricerca nel settore si sono allargati, al di là dei domini originari delle discipline da cui erano scaturiti, come la chimica degli alimenti, la fisiologia, lo studio delle patologie per difetto o eccesso. La Grande Guerra: mangiare in trincea (prima parte) - webfoodculture. Est la soupe qui fait le soldat” (“è il cibo a fare il soldato”): una frase attribuita a Napoleone Bonaparte che dimostra quanto al generale francese fosse chiara la grande importanza dell’alimentazione per le truppe impegnate in un conflitto, al pari del loro armamento ed addestramento.

La Grande Guerra: mangiare in trincea (prima parte) - webfoodculture

A tal proposito occorre sottolineare che il cibo ebbe un ruolo fondamentale nel decidere le sorti della Prima Guerra Mondiale, dimostrando nei fatti la correttezza del suo pensiero. Un nuovo tipo di guerra. er poter comprendere quanto l’alimentazione dei soldati incise sull’andamento della Grande Guerra, occorre capire fin da subito in cosa questo conflitto si differenziò dai precedenti. Le ostilità scoppiarono nel 1914, coinvolgendo, una dopo l’altra, un gran numero di nazioni. L’ideale quasi romantico, retaggio del periodo napoleonico, di eserciti che si confrontano in modo onorevole, svanì immediatamente. L'ALIMENTAZIONE DEI SOLDATI NELLE GUERRE MONDIALI. Di G. Gandolfi. Uno degli argomenti meno trattati nella ampia letteratura dei conflitti del XX secolo è certamente la necessaria logistica occorrente alle truppe di prima linea, già duramente impegnate nei combattimenti ed, in seguito, in avanzate lampo che rendevano la catena dei rifornimenti lunga e vulnerabile.

L'ALIMENTAZIONE DEI SOLDATI NELLE GUERRE MONDIALI. Di G. Gandolfi

Nella Prima Guerra Mondiale la guerra di trincea, nella sua massima espressione di stazionamento, consentì un più agevole approvvigionamento ma l'alto numero di soldati coinvolti e la scarsa cognizione del problema costituì un'enorme difficoltà per i soldati, che si trovarono per mesi stipati nella buie e fangose trincee, a pochi metri da quelle nemiche, sotto il tiro costante delle opposte artiglierie e in balia delle terribili armi chimiche. Non solo i soldati patirono quindi la fame ma le privazioni furono terribili anche nella popolazione civile coinvolta necessariamente da conflitti che infiammavano tutta l'Europa.

Il rancio dei soldati nella Prima Guerra Mondiale. Uno dei grandi problemi durante la Grande Guerra fu quello dell'alimentazione sia per la popolazione civile che per i militari.

Il rancio dei soldati nella Prima Guerra Mondiale

Le battaglie, la militarizzazione dei territori e le razzie (specie nel Friuli e Veneto orientale dopo Caporetto) provocarono devastazioni nei raccolti e lo svuotamento dei magazzini. Le famiglie nelle retrovie furono vittime di carestie e di malattie dovute a carenze alimentari gravi (come la pellagra) mentre il rancio dei soldati diventava ogni giorno più esiguo e scadente. La scarsa qualità era dovuta alla scelta di cucinare i pastinelle retrovie e trasportarli durante la notte verso le linee avanzate.