background preloader

Geostoria

Facebook Twitter

Studiare con la linea del tempo - Didatticarte. Con questo post voglio continuare ad approfondire tutti gli aspetti collegati al metodo di studio.

Studiare con la linea del tempo - Didatticarte

Ho già parlato dell’apprendimento attraverso mappe concettuali e mappe mentali, della capacità di prendere appunti e del metodo di studio in generale. Oggi voglio approfondire l’uso delle linee del tempo (timeline in inglese). Spesso si trovano già pronte sui libri ma credo che la realizzazione autonoma di una linea del tempo possa costituire un buon esercizio per ricomporre la sequenza o l’evoluzione di una disciplina, qualunque essa sia. Si possono fare a mano ma è molto più efficace crearle con degli appositi software. Tutta un’altra geografia 2016-2017. In collaborazione con il Museo di Geografia del Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell’Antichità dell’Università di Padova presenta “Se ti piace la geografia ma il mondo sta girando troppo in fretta Se si è rotta la bussola e i tuoi punti fissi non bastano più Se volessi ascoltare e sperimentare geografie diverse Se cerchi idee e spunti per riprendere il viaggio” L’Associazione Italiana Insegnanti di Geografia è lieta di invitarti all’esplorazione dei nuovi percorsi di educazione e formazione geografica.

Tutta un’altra geografia 2016-2017

An Interactive Experience - World Population. Migranti. Rotta balcanica: il tragitto più frequentato dai migranti provenienti dal Medio Oriente fra il 2015 e il 2016.

Migranti

Parte dalla Grecia e prosegue verso nordovest fino ai Paesi dell’Europa occidentale. Amnesty international: è un’organizzazione non governativa internazionale impegnata nella difesa dei diritti umani. Tutorial Scratch: Creiamo la mappa turistica della nostra città. Chi ripulisce i campi dopo la battaglia? Le guerre napoleoniche, come nessuno le studia. Tratto da Shannon Selin* (traduzione di Valentina Arcidiacono e Raffaele Guazzone; adattamento e note didattiche di Antonio Brusa) Svegliarsi dopo la battaglia L’8 gennaio1807, al termine della sanguinosa battaglia di Eylau, nell’attuale regione russa di Kaliningrad, il soldato francese Jean Baptiste de Marbot si risveglia, dopo aver trascorso alcune ore in stato di incoscienza: è coperto di sangue e si trova su un carro, circondato da cadaveri.

Chi ripulisce i campi dopo la battaglia? Le guerre napoleoniche, come nessuno le studia

E’ completamente nudo, indossa solo il cappello perché, dandolo per morto, gli hanno portato via tutti i vestiti e gli oggetti personali. Non si dica “E’ un semplice PPT!” Tre anni sono trascorsi dal momento in cui ho iniziato con la classe, che ha terminato gli esami di licenza media nei giorni scorsi, un percorso innovativo: l’uso delle ICT nella didattica dell’italiano.

Non si dica “E’ un semplice PPT!”

All’inizio sembrava tutto un po’ complicato, abbiamo dovuto superare tante difficoltà, per non parlare dei limiti, diciamo, “mentali” dei colleghi che hanno più volte denigrato il lavoro affermando che non si faceva didattica, ma si stava giocando. Un gioco che oggi è servito anche a loro, perché pur di ottenere qualcosa dalla valorizzazione del merito, alla voce uso delle ICT nella didattica, hanno utilizzato alcune semplici applicazioni, dunque, viene spontaneo chiedersi: hanno giocato anche loro?

Youtube. Youtube. Security Check Required. L'inferno nascosto di Dora, il lager nazista più segreto. Una delle gallerie scavate con i picconi dove gli schiavi lavoravano e vivevano (Light History) Ha il dolce nome di una donna, ma il suo ventre è sotto terra e partorisce solo uomini morti.

L'inferno nascosto di Dora, il lager nazista più segreto

Dora, quattro lettere che stanno per Deutsche Organisation Reichs Arbeit, il campo di lavori forzati più segreto e più duro dell’intera Germania nazista. Come tutti gli inferni, diramava i suoi gironi sotto terra, in mefitiche gallerie buie e gigantesche, dove 60mila internati tra l’agosto del 1943 e l’aprile del 1945 lavoravano e persino vivevano, senza mai rivedere la luce. MATERIALI DIDATTICI: Geografia. La civiltà greca - Storia. Lezioni Forse potrebbero interessarti: domande.

La civiltà greca - Storia

Storia antica. La storia antica si occupa dello studio delle prime civiltà che adottarono un sistema grafico di scrittura: le popolazioni del Vicino Oriente, come Sumeri, Assiri, Babilonesi; quelle dell’Africa settentrionale, come gli Egizi; e le europee, le principali sono le civiltà greche e romane, fondamento della cultura dell’Occidente.

Storia antica

Il cosiddetto “evo antico” inizia nel IV millennio, con la comparsa dei primi sistemi di scrittura in Mesopotamia, e si conclude con la caduta dell’Impero romano d’Occidente nel 476 d.C.. lezioni Forse potrebbero interessarti: domande Registrati per ricevere le notifiche dai tuoi amici! Teodora, la pornostar che salvò Bisanzio - ARCHEOSTORIE - Magazine of Public Archaeology. Conegliano 1000 by Treviso Comic Book Festival. Unità di studio sui terremoti.

Kit didattico. Le classi che partecipano ad Amnesty Kids scuola durante l’anno scolastico 2016-2017 ricevono un kit didattico composto dai seguenti materiali: 25 copie del quaderno “Welcome!”

Kit didattico

Con proposte di attività per comprendere meglio le realtà di migranti e rifugiati, e attivarsiuna guida per l’insegnante con proposte di attività sui diritti umani da svolgere in classeuna copia della graphic novel “Leyla nel mezzo” (ed. Lo Stampatello) di Sarah Garlandun’insegna per la classetessere e poster per alunne/alunnialtro materiale associativo. Tappe - Con gli occhiali di Tomaso. Viaggio in Italia: Padova e Treviso - Rai Teche. La più grande bugia dell'umanità sulle origini dell'umanità. Pubblicato il 21 agosto 2014 Tutti noi abbiamo appreso la storia delle origini dell’umanità sui banchi di scuola.

La più grande bugia dell'umanità sulle origini dell'umanità

Uomini pelosi ricoperti di pellicce di animali e armati di clave o di lance rudimentali, dediti alla caccia. 2 giugno 1946. Quando nacque la Repubblica - La videoscheda.