background preloader

Marriage Gay

Facebook Twitter

Protecting marriage isn’t enough – we must oppose gay ‘civil unions’ too. Jeanne Smits, Paris correspondent Philippe Ariño, one of the original initiators of the French “Manif pour tous” rallies against the legalization of same-sex “marriage” in November 2012, is suggesting that opposition to the law and its probable developments needs to be coherent and complete if it hopes to be efficient.

Protecting marriage isn’t enough – we must oppose gay ‘civil unions’ too

In a recent and widely-circulated article published on his blog, he writes that the objective must be to put an end to legalized “civil unions” as well. Ariño, a non-practicing homosexual, left the “Manif pour tous” by March 2013, criticizing the movement’s figurehead, Frigide Barjot, for her stands on “homosexual love” and her insistence that civil unions were not only acceptable, but should benefit from a more favorable legal framework. Barjot herself was to be ousted from the organization for the same reason, but the “Manif pour tous” still takes care not to antagonize and avoids clear-cut condemnation of certain “homosexual rights” so as not to appear radical. Cirinnà legislatura 17. UE pronta a imporre legalmente matrimoni gay e poligamia. Febbraio 9, 2013 Benedetta Frigerio Un Report che il Parlamento europeo dovrà votare a novembre prevede il riconoscimento obbligatorio «dei documenti sugli status civili e dei loro effetti».

What do the Supreme Court's gay-marriage rulings mean? Q.

What do the Supreme Court's gay-marriage rulings mean?

What is DOMA? A. Le vrai but du mariage homosexuel : imposer la théorie du Genre (Gender) Famiglia Cristiana critica i valdesi ed il matrimonio gay. Il teologo Giordano Muraro risponde a un lettore sul tema delle "nozze" tra persone omosessuali concesse dalla Chiesa valdese.

Famiglia Cristiana critica i valdesi ed il matrimonio gay

Precisando tre interrogativi secondo la morale cattolica. Con riferimento alla notizia delle nozze gay concesse dai valdesi, domando che valore abbia questo “matrimonio” per mezzo del quale i due protagonisti, entrambi di fede protestante, hanno deciso di “sposarsi” e di ottenere la benedizione della loro unione dalla propria Chiesa, rivendicando «non un diritto ma un dono, un atto di grazia». Pier Luigi G. – Perugia. Adozioni gay, il sì di Magistratura Democratica. Parliamo dell’Italia e del modo con cui in Italia stanno cercando di imporre al di sopra (o al di sotto) della democrazia e del consenso popolare le adozioni gay.

Adozioni gay, il sì di Magistratura Democratica

Dunque, in Italia funziona così: se sei un uomo e una donna regolarmente sposati e vai all’estero e ti disponi ad accogliere un bambino orfano e diseredato senza rispettare al millimetro la complicatissima trafila psicologico-burocratico-legale delle adozioni internazionali e riesci lo stesso a portarti a casa quel bambino per dargli vitto, alloggio, un futuro e una famiglia, appena sbarchi in Italia parte la Volante, ti portano via il figlio, finisci in galera, buttano via le chiavi e il bambino lo portano dritto in una “comunità protetta”.

Se invece sei una coppia dello stesso sesso che ha un grande desiderio di maternità e/o paternità, tu crei una situazione di fatto e poi vediamo chi porta via te e il bambino. Cosa succede se qualcosa va storto, se non ti piace, se ha il nasino un po’ storto? Niente di speciale. Il Matrimonio è un'altra cosa.Ci stanno ingannando leggiamo attentamente. - La Luce di Maria. IL TESTO DEL DISEGNO DI LEGGE CIRINNA’ -Osservatorio Internazionale Cardinale Van Thuân- Il 26 gennaio 2016 nel Parlamento italiano inizierà la discussione del Disegno di Legge (d.d.l.)

Il Matrimonio è un'altra cosa.Ci stanno ingannando leggiamo attentamente. - La Luce di Maria

Why I oppose gay marriage. By Doug Mainwaring September 21, 2012 Supporters of same-sex marriage in Maryland assert that both momentum and history are on their side.

Why I oppose gay marriage

But these are assertions, not facts. La famiglia fuorilegge. Quello che maggiormente rattrista, in tutta la vicenda italiana legata al matrimonio omosessuale – ieri approvato alla Camera sotto forma di unioni civili -, non è, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, l’arroganza dell’esecutivo guidato da Matteo Renzi, l’amore smisurato e senza pudore di Angelino Alfano per la poltrona e neppure la finta opposizione della Chiesa italiana, i cui più autorevoli rappresentanti, eccettuati alcuni momenti di lucidità, non hanno saputo fare altro, neanche a poche ore dalla conclusione dei giochi, che rimproverare al Governo il ricorso alla fiducia, come se il problema fosse procedurale.

La famiglia fuorilegge

Quello che maggiormente rattrista è che purtroppo manca, in quasi tutti coloro che dovrebbero averne, la consapevolezza di che cosa da domani implicherà, per la società italiana, l’introduzione delle nozze fra persone dello stesso sesso, vale a dire uno stravolgimento antropologico di proporzioni enormi. Giuliano Guzzo Mi piace: Mi piace Caricamento... Murray Lipp: The Top 10 Arguments Against Gay Marriage: All Receive Failing Grades! Le véritable objectif du mariage gay : imposer la théorie du genre. Slovenia, bocciate di nuovo nozze e adozioni gay. Le coppie omosessuali slovene non potranno sposarsi e non potranno adottare bambini.

Slovenia, bocciate di nuovo nozze e adozioni gay

Lo ha stabilito il referendum abrogativo che oggi ha respinto la legge che regola l'istituto della famiglia. Legge che, al contrario, ammetteva matrimoni e adozioni per le coppie omosessuali. Contro la legge si è espresso il 63,3% dei votanti, favorevole soltanto il 36,7%. Perchè la legge fosse abrogata era necessario, secondo la legislazione referendaria, che gli elettori contrari fossero almeno il 20 per cento di tutto il corpo elettorale sloveno. Cirinnà legislatura 17. Unioni civili: divorzio immediato, meno adozioni, nessuna equiparazione alle nozze.

ROMA - Nessuna confusione tra unioni civili e matrimonio.

Unioni civili: divorzio immediato, meno adozioni, nessuna equiparazione alle nozze

«Io, gay, dico: no a nozze e adozioni»   Jean Pierre Delaume-Myard, sceneggiatore e documentarista francese, omosessuale convinto e sereno, è da alcuni anni nel mirino delle lobby gay europee.

«Io, gay, dico: no a nozze e adozioni»  

Si è macchiato di una colpa imperdonabile: non solo ha accettato il ruolo di portavoce di Manif pour tous in Francia, ma ha scritto un libro per spiegare perché lui, da omosessuale, ritiene ingiusta la scelta del matrimonio e, soprattutto, dell’adozione gay. «I bambini – ripete – devono avere una mamma donna e un padre uomo. Ogni scelta diversa è una discriminazione. Ecco perchè io gay orgogliosamente di destra, dico no alla Cirinnà - Destra.it. Non avrei mai pensato di dovere mettere in piazza la mia vita privata per contestare quanto in questi giorni avviene in Parlamento riguardo la Legge Cirinnà. Ho sempre creduto, infatti, che le inclinazioni sessuali ed affettive non possano essere NE’ OGGETTO, NE’ SOGGETTO di pubblico dibattito né, TANTOMENO, ELEMENTO COSTITUENTE CATEGORIA DELLA SOCIETA’. Cirinnà e dintorni/ Riflessioni di un ateo orgogliosamente "reazionario" - Destra.it.

Il pacs e la situazione italiana. Il 7 luglio 2005, su iniziativa del Senatore Gavino Angius del movimento politico di centrosinistra, veniva presentato all’esame del Senato il disegno di legge n. 3534 dal titolo “Disciplina del patto civile di solidarietà e delle unioni di fatto”, assegnato il successivo 14 settembre alla Seconda Commissione Giustizia in sede referente. Con lo scioglimento delle Camere dello scorso 11 febbraio, che scandisce la fine della quattordicesima legislatura, il disegno, ancora non presentato all’esame dell’Assemblea plenaria, perde ogni valenza. In attesa di sapere se e in quali termini nella prossima legislatura verrà presentato un nuovo progetto di legge in tal senso, l’iniziativa presa dal gruppo dell’Unione funge da spunto per critiche e riflessioni, da parte di gente comune e di addetti ai lavori, su un tema “caldo” dei nostri giorni: il ruolo oggi assunto dalle sempre più numerose forme “atipiche” di convivenza.

Avv. Giorgio Ponte, scrittore omosessuale: "Sarò al Family Day e non il solo: facciamo sentire la nostra voce" - IntelligoNews - quotidiano indipendente di informazione. Giorgio Ponte, scrittore omosessuale: "Sarò al Family Day e non il solo: facciamo sentire la nostra voce" E' un romanziere milanese Giorgio Ponte, omosessuale, e attento al dibattito sulle unioni civili. Per lui il Ddl Cirinnà non deve proprio passare, "già oggi il cosiddetto affido in prova è di fatto una prassi per qualsiasi bambino resti senza genitori" e non è d'accordo "sul fatto che dire che due uomini non possono crescere un bambino sia omofobo".

Mariage gay, non merci. Reuters/Ipsos poll: Views on gay marriage still divided after court ruling. June 28, 2013|Lawrence Hurley | Reuters WASHINGTON (Reuters) - As the dust settled on two major Supreme Court rulings this week that advanced gay marriage, a Reuters/Ipsos opinion poll showed that while about a third of Americans oppose the decisions, a majority are either in favor or had no strong opinion. Nigerian lawmakers vote to outlaw gay marriage. Matrimonio fra persone dello stesso sesso. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il mondo gay e le vestalidi un certo conformismo.

Il conformismo omosessuale e il pericolo per chi si oppone. Matrimoni gay e adozioni, in Europa tutto l’occidente tranne l’Italia: la mappa. Homoparentalité: L’arrogance incroyable d’1 association qui avoue manipuler 65 millions de français ! #Homoparentalité : 1 association LGBT reconnait manipuler l’opinion pour imposer l’homoparentalité ! Comment 1 seule association avec 2 000 adhérents est capable d’imposer un choix de société qui concerne 65 millions de français ? NB: Les propos choquants suivants émanent de l’association elle même et montre la vaste manipulation actuelle et explique pourquoi elle prend des allures de matraquages systématiques …

"Manif pour tous", la grande illusion. Le Monde.fr | • Mis à jour le | Par Samuel Laurent Elles sont au nombre de trente-sept. Trente-sept associations co-organisatrices de la Manif pour tous, dont on trouve la liste détaillée sur le site officiel du mouvement, et qui incarnent sa diversité : Plus gay sans mariage et Homovox représentent des homos anti-mariage homosexuel, tandis que Les musulmans pour l'enfance ou Fils de France parlent au nom des musulmans.

Et il y en a pour tout le monde : un appel des professionnels de l'enfance, une association des Jeunes pour la famille, un collectif de juristes, et même une "Association pour un nouveau féminisme européen". Le Monde.fr a voulu vérifier si cette diversité correspondait à une réalité. Le Mariage Pour Tous est un abus de droit. Patrice André, juriste et magistrat, s'exprime à la Manif pour tous du 24 mars 2013 : "... nous sommes ici pour faire obstacle à une subversion de notre société et de notre civilisation. Un militant anti-mariage gay agressé, trois interpellations.

Les trois agresseurs présumés de Samuel Lafont, 25 ans, et de deux de ses amis (dont l'un a également été blessé), ont été interpellés samedi soir, a indiqué la Préfecture de police sans plus de précision. Cette agression n'a pas de lien avec l'activité militante de M. Mariage pour tous ? Droit nulle part… Natalia Trouiller a réussi cette semaine un nouveau tour de force journalistique. Après avoir révélé au grand jour à quel point les juristes avaient été maltraités par le rapporteur Erwann Binet, elle nous livre de consistants passages de l’avis du Conseil d’État sur le projet de loi étendant le mariage aux personnes de même sexe dont les députés d’opposition demandaient la communication depuis plusieurs jours.

C’est un gros coup : en principe, les avis du Conseil d’État ne sont pas divulgués sans l’autorisation du gouvernement. Et pour tout dire, le gouvernement ne donne pas son autorisation. Cela ne doit toutefois pas choquer : cette discrétion permet au Conseil de travailler paisiblement et en toute indépendance (ici). Il faut reconnaître que s’ajoute à cette traditionnelle réserve, une autre raison à la non publication de l’avis du Conseil d’État : il pointe assez franchement les insuffisances du texte gouvernemental.