background preloader

Gianni Celati

Facebook Twitter

Gianni Celati - Mondonuovo. Videointervista a Gianni Celati. Gianni celati presenta la sua traduzione dell'ulisse (1) Gianni Celati - La dispersione della parole. Gianni Celati e Mandiaye N'Diaye. Il Tempo del Ceppo 2010 - Gianni Celati. Le “Selve d’amore” di Gianni Celati. Di Francesca Fiorletta In questi casi tu diventi un rimbambito che non vede più niente di quello che ti succede intorno: il sole che si alza e tramonta, un inquilino al terzo piano che trasloca, il signor Pigogna che è portato in manicomio dentro una camicia di forza, tuo padre che fa urli da pazzo geloso perché non vuole più tuo fratello in casa, sospettando che possa avere amori segreti con tua madre.

Le “Selve d’amore” di Gianni Celati

Ma tutto questo non conta per te, perché un dio ti comanda di pensare solo a una persona: e tu non pensi ad altro, solo alla tua regina Gezzi, che mettendoti le mani addosso ti dava dei tremiti. Siamo a pagina 22 e Gianni Celati c’ha già detto più o meno tutto quello che si può realisticamente dire sul sentimento amoroso. Non solo è già entrato nel fulcro della vicenda, ma l’ha fatto squisitamente alla sua tipica maniera: con descrizioni brevi, fulminanti, particolareggiate e sensibili.

Qui io invento tutto, si capisce ma so cosa succede in questi momenti. James Joyce, Ulisse. Luigi Ghirri e Gianni Celati - Biblioteca Panizzi. L’amicizia tra Ghirri e Celati nasce nel 1981 quando Luigi Ghirri telefona a Celati per invitarlo a partecipare ad un progetto di indagine che vede coinvolti diversi amici fotografi.

Luigi Ghirri e Gianni Celati - Biblioteca Panizzi

Il progetto è Viaggio in Italia, che tova la sua espressione in un’ampia mostra e nel catalogo edito nel 1984 e la ricerca è sul nuovo paesaggio italiano, quello post-industriale, ma soprattutto sulla nuova idea di luogo di chiaro riferimento alla poetica di Zavattini, il quale sosteneva che: “qualsiasi luogo, bello o brutto”, è qualcosa che va studiato, osservato, mai dato per scontato. In questa occasione Gianni Celati, seguendo Luigi Ghirri, mentre aspettava che terminasse di scattare le fotografie raccolse una notevole quantità di appunti che troveranno forma definitiva nel racconto Verso la foce. Reportage per un amico fotografo che pubblicherà nel catalogo della mostra. Interviste Documentari imprevedibili come i sogni. Qualche idea sui luoghi e il lavoro con Luigi Ghirri. Testi. Libri Gianni Celati. Gianni Celati. Sostieni la campagna di crowdfunding Speciali Eliana Petrizzi Speciale Gianni Celati | Parole frontali e senza trucco Lo ammetto e me ne scuso: ho conosciuto Celati da poco.

Gianni Celati

Avevo letto qualche frammento, non ricordo dove. Il giorno dopo, sono andata in libreria e ho comprato tutto quello che ho trovato: “Verso la foce”, “Passar la vita a Diol Kadd” e “Cinema all... Speciali Franco Nasi Speciale Gianni Celati | Alberi e parole C’è una pagina in Avventure in Africa che rileggo spesso. Speciali Luca Sebastiani. Zibaldoni e altre meraviglie. «Una volta noi avevamo questa abitudine di inventarci situazioni, metterci addosso quel che capita, parlarci per ore con gerghi e accenti strani, recitare senza copione e andare avanti per molto tempo così partendo da uno spunto casuale».

Zibaldoni e altre meraviglie

Con queste parole si apriva La bottega dei mimi, libro ormai introvabile del 1977 di Gianni Celati, Lino Gabellone, Nicole Fiéloux e Carlo Gajani. La scomparsa nei giorni scorsi di Gabellone, ha spinto Antonio Prete a scrivere il seguente testo. Noi abbiamo aggiunto alcune foto che ritraggono Celati e Gabellone, tratte da La bottega dei mimi. Avrei voluto essere a Carpi e ascoltare la voce di Gianni Celati, quella voce da lui definita “neniosa”, il suo modo morbido ed esitante di parlare, che a me appare di estrema gentilezza. Avrei voluto esserci perché nel suo intervento, un intervento che sembra ad ogni parola cancellarsi (e del quale per fortuna posso leggere [continua] Un bel ripasso di storia della letteratura dagli albori del web.

Tradurre l'Ulisse di Joyce? Per Celati è stata un'odissea. Nell'Odissea l'epopea del ritorno in patria di Ulisse dura dieci anni.

Tradurre l'Ulisse di Joyce? Per Celati è stata un'odissea

Il racconto 40 giorni. Una poesia: Come fanno. Gianni Celati ha dedicato ai lettori di Griseldaonline una riflessione poetica, nuova e inedita.

Una poesia: Come fanno

Una riflessione nata a margine del tema Inferni, sul quale stiamo lavorando da alcuni mesi. E visto che siamo "tutti presi per il collo", vi lasciamo il tempo di leggere, di pensare e di liberarvi per poco dai lacci del tempo che stringe..... " Ma come come dicono di vivere come dicono di vivere qui così ? Come fanno non si può capire. Lo spirito della novella. 1.

Lo spirito della novella

Novelle come merci pregiate. Le antiche raccolte di novelle, dal Novellino duecentesco al Decamerone, alle raccolte quattrocentesche e cinquecentesche, fino a quel punto di svolta che è il Cunto de li cunti di Basile, sono dei bazar di roba messa insieme, con un fasto rituale ancora visibile, benché lontano dalle nostre abitudini. Il Decamerone somiglia a quei vecchi suk arabi dove trovavi profumi, gioielli, spezie, stoffe che venivano da tutte le parti, e ogni merce portava con sé il ricordo delle linee di circolazione dei commerci nel nord Africa. Le raccolte novellistiche erano collezioni di aneddoti, favole, leggende, motti arguti, d’origine scritta e orale. La varietà di questi zibaldoni dipendeva da una vasta circolazione di motivi narrabili, legata alle rotte dei pellegrini e dei mercanti. 2. 3. Il carattere esemplare del Novellino sta in una fine arte del racconto scritto: arte del ritaglio e della miniaturizzazione di episodi già narrati nei libri. 4.

Riga Books: libri. Editoriale - 8 Franco Arminio, Lettera a Gianni Celati - 10Ermanno Cavazzoni, L’impero telematico - 11Daniele Benati, Giacomo.

Riga Books: libri

Romanzo autobiografico di Learco Pignagnoli - 15 Capitolo I - Quasi una autobiografia - 23Esercizio autobiografico in 2000 battute - 24Letteratura come accumulo di roba sparsa. Conversazione con Marco Belpoliti e Andrea Cortellessa - 25Memoria su certe letture.