background preloader

Linux OS

Facebook Twitter

Flatpak - the future of application distribution.

Linux utilities

Linux HELP. Forum & Blogs. Linux. UNIX family tree. Famille UNIX.svg. Berkeley Software Distribution. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Berkeley Software Distribution

L'acronimo BSD (Berkeley Software Distribution) indica la variante originaria di Unix sviluppata presso l'Università di Berkeley in California e alla base di una delle due famiglie principali di sistemi operativi liberi attualmente più diffusi, tra cui gli esponenti più noti sono FreeBSD, OpenBSD, NetBSD, PC-BSD, DesktopBSD, FreeSBIE, DarwinOS (il cuore unix di Mac OS X) e DragonFly BSD (con le sue distribuzioni FireflyBSD e GoBSD). Storia[modifica | modifica sorgente] Per ottenere migliori risultati sul VAX gli studenti dell'Università riscrissero gran parte del kernel di Unix/32V ed introdussero un'implementazione della memoria virtuale. Il nuovo sistema, il 3BSD, corredato dalle utility di 2BSD e dal port per il VAX venne rilasciato nel 1979.

Il successo di 3BSD indusse la DARPA a fondare il CSRG, che avrebbe avuto il compito di supervisionare lo sviluppo di una piattaforma Unix standard destinata alla ricerca. Mascotte[modifica | modifica sorgente] The most accurate articles about BSD - Vimperator. Berkeley Software Distribution. Berkeley Software Distribution (BSD, sometimes called Berkeley Unix) is a Unix operating system derivative developed and distributed by the Computer Systems Research Group (CSRG) of the University of California, Berkeley, from 1977 to 1995.

Berkeley Software Distribution

Today the term "BSD" is often used non-specifically to refer to any of the BSD descendants which together form a branch of the family of Unix-like operating systems. Operating systems derived from the original BSD code remain actively developed and widely used. Historically, BSD has been considered a branch of UNIX—"BSD UNIX", because it shared the initial codebase and design with the original AT&T UNIX operating system.

In the 1980s, BSD was widely adopted by vendors of workstation-class systems in the form of proprietary UNIX variants such as DEC ULTRIX and Sun Microsystems SunOS. This can be attributed to the ease with which it could be licensed, and the familiarity the founders of many technology companies of the time had with it. History[edit]

Android Portings & Emulators

Hyperlink. Android. Linux Distros. Flash-Player su Linux. Hyperlink. PepperFlashPlayer, aka PPAPI (mod di NPAPI) Adobe Flash player. Home - Linux@P2P Forum Italia. Forums & Blogs, informatica, 2nd folder. [RISOLTO] hp recovery. Partizionare notebook. Hyperlink. Partizione ripristino nascosta: PQSERVICE. Ripristino PC, PC complete recovery. Linux per tutti Ubuntu facile Video Manuale. Questo è un completo manuale on-line free, scritto con semplicità d’esposizione e molta chiarezza, per essere alla portata di tutti.

Linux per tutti Ubuntu facile Video Manuale

Contiene ben 341 brevi videoguide per la visualizzazione immediata delle principali operazioni. Vi porterà, passo dopo passo, a conoscere ogni cosa. Dal download di Ubuntu, fino alla sua completa utilizzazione... L’opera, si rivolge agli utenti poco esperti che apprezzeranno l’immediatezza delle cose senza pericolo di perdersi in estenuanti disquisizioni tecnico-specialistiche. Anche gli utenti più esperti potrebbero utilizzarla come una traccia di "metodica didattica" da adottare per meglio trasmettere, agli altri, le loro conoscenze. Per condividere l'articolo con i tuoi amici, su Facebook, click sul bottone: Manuale on-line free con videoguide Passare ad Ubuntu in maniera semplice ed immediata Linux per tutti - Ubuntu facile Video Manuale Corredato da 341 VideoGuide del Prof. Segnalato dal sito ufficiale di Ubuntu-it Premessa Perché Ubuntu Attivare l'audio.

CollectionTricks. Dual boot (pulizia e “miracoli”) Spero che non vi stupiate per il titolo a effetto (che miracoli vi farò mai fare?)

dual boot (pulizia e “miracoli”)

Però installando Linux sia ad amici che a persone incontrate alle install fest, mi sono reso conto che quasi sempre la maggior parte del tempo che si perde per creare un dual boot è quello speso a preparare Windows a “subire” l’intervento. :\ Mi sembra banale dire “ho visto cose che voi umani non potete nemmeno immaginare” (non so se la citazione sia esatta, tra l’altro) però me ne sono capitate veramente di tutti i colori. Quando installo Linux in dual boot mi trovo di fronte a sistemi disastrati, pieni di software installati e non più utilizzati, “inutility”, file residui sparsi in giro, ed un disco frammentato in maniera improponibile.

Tutto ciò mi è già capitato di persona ed è stato abbastanza snervante, più che altro per la perdita di tempo. Le schifezze e i software inutilizzati occupano spazio. Da cosa deriva la sicurezza? Preparazione del materiale.

Steam OS

Noobs' Notes (useful anyway) SAMBA, SMB, CIFS across Linux-Windows. Hyperlink. Distributions GNU/Linux. Linux. Linux. Ubuntu. Amministrazione Ubuntu. Linux. GNU/Linux. Linux. Linux. Linux. Linux.