background preloader

Il popolo che sogna uno Stato

Facebook Twitter

La storia di un popolo che vive tra attentati e guerre.
La storia di un popolo nomade e senza stato.
La storia dei Curdi.

Attentato Ankara: bombe al corteo per la pace 10 ottobre 2015. Due esplosioni hanno colpito la piazza antistante la stazione centrale di Ankara, capitale della Turchia.

Attentato Ankara: bombe al corteo per la pace 10 ottobre 2015

I morti sono almeno 97 e oltre 400 i feriti. Lo ha riferito dall'Associazione medica turca, citata dalla Cnn. "Complessivamente sono 97 le persone morte, 68 delle quali decedute sul posto, mentre altre 29 sono morte in ospedale per le gravi ferite riportate", ha detto Huseyin Demirdezen, del consiglio di presidenza dell'associazione. Il governo aveva riferito finora di almeno 86 morti e 186 feriti. La rete telvisiva Cnn Turk ha detto che oggi in quella piazza era prevista una marcia della pace organizzata da alcuni sindacati di sinistra per protestare contro la ripresa dell'offensiva dell'esercito turco contro i separatisti del Pkk nel Sud-est della Turchia.

Il premier, Ahmet Davutoglu, ha convocato una riunione d’urgenza con i vertici della sicurezza, mentre la manifestazione è stata annullata poiché si temono nuove esplosioni. Attentato ad Ankara |Foto da Twitter. L’attentato più cruento della storia della Turchia. [VIDEO] Attentato ad Ankara al corteo per la pace: il momento dell'esplosione. Attacco ad Ankara: Turchia in piazza. "Isis dietro l'attacco. Uno dei due kamikaze fratello di attentatore a Suruc".

Il giorno successivo alla carneficina è il momento della solidarietà.

Attacco ad Ankara: Turchia in piazza. "Isis dietro l'attacco. Uno dei due kamikaze fratello di attentatore a Suruc"

Sono iniziati oggi i tre giorni di lutto nazionale per l’attentato kamikaze alla marcia per la pace organizzata dai filo-curdi, l’attentato più grave della storia della Turchia moderna. Il leader del partito filo-curdo Hdp, Selahattin Demirtas, ha detto che i morti sono più di 120 e i feriti circa 500. Fonti ufficiali parlano invece di 95 vittime e 508 feriti. “Un kamikaze era fratello dell’attentatore di Suruc” – Gli inquirenti sono riusciti a isolare alcune impronte digitali sui resti di uno dei due ordigni e i responsabili dell’attacco, che non è ancora stato rivendicato, sono due kamikaze. Uno di loro – secondo il giornale turco Haberturk che cita fonti della polizia – era un uomo di 20-25 anni, fratello maggiore dell’attentatore suicida di Suruc, al confine con la Siria, dove il 20 luglio scorso morirono 33 attivisti filo-curdi.

Loaded: 0% Progress: 0% Pubblicità Golf Hotel Campiglio L'hai provato? Chi sono i curdi. I curdi sono un’etnia che abita le regioni montuose a cavallo tra Turchia, Iraq, Siria, Iran e Armenia.

Chi sono i curdi

Spesso ci si riferisce al loro territorio con espressioni come “enclave” e “regione autonoma” oppure usiamo il termine “Kurdistan” associato a uno di questi quattro Paesi. Mai una volta, invece, abbiamo sentito la parola “Stato curdo” perché il Kurdistan non è uno Stato. Ed è proprio questo il problema, il dramma se vogliamo, che attanaglia questa popolazione. I curdi sono in totale circa 30 milioni di persone, la maggior parte delle quali vive all’interno del territorio turco, e costituiscono il quarto gruppo etnico in Medio Oriente. Cinque cose sui curdi, la Turchia e l'ISIS. La cosa più importante successa in Medio Oriente questa settimana è l’attacco della Turchia al PKK, un movimento politico-militare che combatte per una maggiore autonomia della minoranza curda.

Cinque cose sui curdi, la Turchia e l'ISIS

Gli attacchi hanno interrotto una tregua tra PKK e governo turco che durava oramai dal 2013 e rischiano di far sprofondare nuovamente il paese nella guerra civile cominciata nel 1984 e costata la vita a più di trentamila persone. Curdi in “Enciclopedia dei ragazzi” Curdi Enciclopedia dei ragazzi (2005) di Silvia Moretti.

Curdi in “Enciclopedia dei ragazzi”
I curdi che cercano di entrare nella Turchia,per scappare dagli attacchi dell'Isis. – fatimarachid

I curdi in Turchia

I curdi in Siria. I curdi in Iraq. Kurdistan. KURDISTAN (paese dei curdi).

Kurdistan

Regione geografica dell'Asia minore compresa tra il mar Nero, l'alta Mesopotamia, la catena anatolica dell'Antitauro e l'altopiano iranico. Prevalentemente montuosa, ospita la maggior parte della popolazione di lingua curda (appartenente alla famiglia linguistica indoeuropea) della Turchia, dell'Iraq, dell'Iran, della Siria e dell'ex Unione sovietica. UNA PATRIA NON RICONOSCIUTA. Poiché nessuno dei rispettivi governi ha mai riconosciuto in pieno le aspirazioni autonomistiche curde, non esiste una delimitazione ufficiale dei confini del Kurdistan, né alcun censimento ufficiale della sua popolazione.

Si fa presto a dire Kurdistan. I curdi sono un’etnia che abita le regioni montuose a cavallo tra Turchia, Iraq, Siria, Iran e Armenia.

Si fa presto a dire Kurdistan

Spesso ci si riferisce al loro territorio con espressioni come “enclave” e “regione autonoma” oppure usiamo il termine “Kurdistan” associato a uno di questi quattro Paesi. Mai una volta, invece, abbiamo sentito la parola “Stato curdo” perché il Kurdistan non è uno Stato. Ed è proprio questo il problema, il dramma se vogliamo, che attanaglia questa popolazione. I curdi sono in totale circa 30 milioni di persone, la maggior parte delle quali vive all’interno del territorio turco, e costituiscono il quarto gruppo etnico in Medio Oriente. Vi spiego perché la Turchia non accetterà mai uno Stato curdo - Formiche.net. La resistenza contro l’ISIS a Kobane ha fatto riscoprire la questione curda alla comunità internazionale.

Vi spiego perché la Turchia non accetterà mai uno Stato curdo - Formiche.net

La città è geograficamente, storicamente e strategicamente insignificante. E’ però divenuta un simbolo. Gioca un ruolo importante per l’identità dei curdi, nazione senza Stato, divisa non solo in quattro paesi, ma anche, all’interno di ciascuno, da rivalità politiche, claniche e tribali. Un’analisi geopolitica della situazione curda è necessaria per non lasciarsi trascinare da irrealistici entusiasmi e aspettative e per comprendere una realtà molto complessa. Tale analisi è indispensabile anche per capire i dilemmi che deve affrontare la Turchia in merito alla questione curda, sia al suo interno sia nei Paesi confinanti. Nel 2007, proprio a Kobane, ebbero luogo violente manifestazioni anti-turche.

Turchia, è guerra tra Ankara e miliziani curdi. Contenuto Articolo Giornata di guerra tra Ankara e Pkk nel sud-est della Turchia e nel nord dell'Iraq, con almeno 18 poliziotti turchi e una quarantina di miliziani curdi uccisi.

Turchia, è guerra tra Ankara e miliziani curdi

Blitz lampo turco via terra in nord Iraq. Almeno 14 agenti turchi sono morti in un attacco contro un minibus della polizia nella provincia orientale di Igdir. Un ordigno azionato a distanza è esploso al passaggio del mezzo diretto a Dilucu, a un valico di confine con l'Azerbaigian, ha riferito l'agenzia Anadolu. Tra le vittime c'è anche un agente che ha fatto a lungo parte della scorta dell'ex presidente turco, Abdullah Gul, il quale ha diffuso un messaggio di cordoglio e ha fatto visita alla famiglia del poliziotto.

Leonesse Curde

Linda Dorigo. Tra le donne del kurdistan.