background preloader

Marketing

Facebook Twitter

SEO Per Principianti - La Guida di Orientamento Per Chi Vuole Iniziare. Questa serie chiamata “SEO Beginners” è una inizativa nata su Google+ dedicata alle persone che vogliono imparare a fare SEO, che ho deciso di far ripubblicare in Italiano qui sul SEO Blog gt.

SEO Per Principianti - La Guida di Orientamento Per Chi Vuole Iniziare

Il primo step è quello di fornirvi alcune guide già presenti in rete e in grado di darvi un minimo di background. La prima è sicuramente quella di Google, dove troverete un sacco di “best practice” anche se ci sono informazioni non più recentissime. Per favore segnalatemi gli argomenti che vi piacerebbe trovare in questa serie. Grazie, Bill La Guida è disponibile anche in PDF e distribuibile senza vincoli – SCARICALA La Guida è disponibile anche sul Play Store come App per Android – SCARICALA Guide SEO per iniziare Quando ho iniziato a fare SEO non esisteva nessuna guida per principianti, principalmente perché non esistevano motori di ricerca.

I motori di ricerca hanno moltissimi algoritmi e valutano moltissimi segnali. La buona accessibilità è buona anche per i motori di ricerca. Consigli per imparare a farsi pagare dai Clienti. Hai trovato un nuovo cliente, svolto un eccellente lavoro ed è arrivato il momento di farti pagare!

Consigli per imparare a farsi pagare dai Clienti

Sembra il trailer di nuova commedia all’italiana nei migliori cinema a Marzo 2014 ma, in realtà, è la trama di un film drammatico che accompagna professionisti, freelance e aziende del terzo millennio. Manuale minimo dell'Account #1 - Se lavorate in una web agency, il minimo che vi può capitare il primo giorno è di ricevere una email di questo tipo: ciao,occorrerebbe asap il recap del meeting. procedi tu?

Manuale minimo dell'Account #1 -

Ti brieffo dopo, il bdg è di 20k. Con gli anni, ho imparato a capire questa lingua bastarda e i termini di cui si compone, presi un po’ da qui e un po’ da là (mai dall’italiano, sarebbe troppo cheap). 7 peccati capitali del comment marketing. Content Marketing Best Practices: 8 Rookie Mistakes. Come individuare i bisogni del tuoi lettori con Google. Sabato 23 marzo ho seguito la prima parte del Web Update.

Come individuare i bisogni del tuoi lettori con Google

Mi è rimasta impressa una frase che racchiude una grande verità: colpire i bisogni è l’arte del marketing (clicca per retweettarla). Colpisci i bisogni dell’utente. Soddisfali. Come creare un video virale nei social network. In questi giorni ho letto il libro “Viral Video” scritto dai ragazzi di Ebuzzing che si occupano di distribuzione di video virali.

Come creare un video virale nei social network

I dolori del giovane (?) Social media manager.. Carissimi, vi scrivo da una Firenze sotto la pioggia; vorrei condividere con voi la bella mattinata che ho venerdì mattina, insieme ad un gruppo di Social media manager e Specialist; l’incontro, organizzato da Andrea Albanese e Gianluca Treu , è stato molto stimolante; obiettivo era interrogarci su alcuni punti chiave o critici che coinvolgono il lavoro del social media manager. In particolare: Quali sono i 5 problemi più comuni per i social media manager ( ci è stato chiesto di elencare almeno 10 punti) qual è l toolkit per il social media manager? [Webwriter Freelance] 6 trucchi per lavorare a sconto zero. Uno dei problemi più difficili da superare per un webwriter freelance è lo sconto.

[Webwriter Freelance] 6 trucchi per lavorare a sconto zero

Immagino che a tutti i professionisti del web capiti di affrontare gli amanti della contrattazione, ma sono sicuro che i webwriter siano svantaggiati su questo fronte. Il motivo? Probabilmente perché non tutti sanno creare un wireframe o lavorare sul templare di un blog, ma tutti sanno scrivere. Come fare social media marketing. Costruire la propria presenza on line e la propria identità digitale presuppone la definizione di un piano editoriale condiviso e a lungo respiro.

Come fare social media marketing

Il piano editoriale non è altro che la gestione del flusso di informazioni e contenuti scelti, ideati, sviluppati e poi diffusi in rete. Fasi di definizione piano editoriale: 1. Obiettivi2. Modalità operative3. Il piano editoriale è uno strumento fondamentale per sviluppare in maniera attiva e coerente l’attività di promozione di un marchio o prodotto. Sintetizza i punti salienti per lo sviluppo di una strategia di social media marketing sia in termini di contenuti che di tempistica. Marketing relazionale: la gratitudine al servizio del brand. Le aziende nell’era dei social network hanno portato molti cambiamenti e molte novità, come ad esempio il marketing relazionale.

Marketing relazionale: la gratitudine al servizio del brand

Gli analisti confermano il trend: cresce infatti la consapevolezza anche delle aziende italiane sulle potenzialità delle piattaforme social, sfruttate da circa il 77% delle organizzazioni (Fonte Quant’è social la tua azienda – AIDiM, ANVED ed eCircle). La questione pone sul tavolo diversi aspetti operativi e filosofici: il marketing relazionale rappresenta un po’ il crocevia di una nuova strategia d’azione.

L’origine del marketing relazionale L’uso dei social network nell’ambito del marketing ha imposto alle aziende di considerare una strategia relazionale con il proprio utente. Il brand ha dovuto sviluppare una faccia sociale assimilabile a una personalità che sia riconoscibile non solo per quello che vende e per i suoi valori, ma per tutto ciò che la circonda nei social network: follower, post, argomenti trattati, risposte, link e via dicendo. Il Webwriter diventa Web Content Specialist.

IWA Italy, la sezione italiana dell’International Webmasters Association/The HTML Writers Guild, ha elaborato i profili professionali del Web in linea con l’Agenda Digitale Europea.

Il Webwriter diventa Web Content Specialist

Questo per identificare le competenze richieste, ma anche per delineare la nostra essenza professionale. Un passo importante per chi è stato sempre scambiato per un tecnico informatico. La lista dei profili (21) la trovi su SkillProfile.eu. Sai qual è la sorpresa: i webwriter non ci sono. Il marketing insegnato (d)ai negozianti – Cortesia prima di tutto. Dopo un po’ di latitanza, e grazie ai sempre numerosi segnalatori, riprende la rubrica ad aggiornamento estemporaneo più famosa del web. Ah, i negozietti, dove ti senti accolto come a casa! E non scocciate con questa mania degli orari. via @ Critara Perché il turista straniero ha diritto allo stesso trattamento. via non mi ricordo più.

La check-list del Social Media Strategist. In: social media marketing | di: Dario Ciracìgiovedì - 07 febbraio, 2013 Sapevate che molto spesso il principale errore del fallimento o di una “crisi di reputazione” della presenza nei social di un’azienda è data dalla mancata pianificazione e studio approfondito della sua strategia?

La check-list del Social Media Strategist

La scelta giusta dei canali, la mancata pre-analisi del sentiment conversazionale emerso dai social e dal web e dei trend settoriali o ancora il fatto del non avere ben chiari gli obiettivi di business da raggiungere, possono portare gli investimenti effettuati a vaporizzarsi nell’aria senza un ritorno (di engagement, branding o economico che sia). Nel post di oggi vi condivido le slide di un mio intervento dal titolo “La check-list del Social Media Strategist” che (seppur senza avere alcuna pretesa di completezza) cerca di dare risposta a tutte le domande che ogni buon Social Media Manager/Strategist/Imprenditore che si rispetti deve porsi prima di avventurarsi nel mondo del Social Web.

L'importanza del business plan orientato al Web Marketing SeoMarketingWeb.net. Una delle fasi più importanti nella scelta delle strategie di intervento sul mercato, che sia per una piccola azienda o una grande azienda, non può non essere quella progettuale o di pianificazione: il business plan. Ad esso si lega in maniera indissolubile la strategia di marketing che si è scelto di adottare, nel nostro caso il web, con tutti i canali che offre al suo interno e dal suo interno proiettati verso l’esterno.

Abbiamo affrontato il tema della relazione tra business aziendale e web marketing, in particolare focalizzando l’attenzione sul ruolo della promozione online per il B2B, ossia il business to business. Nel qual caso il web marketing si inseriva in un contesto più ampio e a più ampio raggio, dove gli attori del business erano molteplici. Il business plan fa capo ad un insieme di strategie finalizzate alla “pianificazione” di tutte quelle attività, personale ed investimenti che orbitano intorno all’azienda. I migliori blog di Web Marketing nel panorama italiano [Content Curation.

Il post di oggi è un po’ diverso dalla norma. E’ una cosa che avrei voluto fare ad inizio anno ma che ho poi rimandato ad oggi. Vogliamo proporvi la nostra lista personale di content curation dei blog italiani che trattano argomenti affini al web marketing, divisi per macro-area tematica. Il content marketing e quei cinque errori da evitare. Il content marketing è una delle frontiere più evolute della comunicazione: le organizzazioni producono contenuti di diverso tipo (video, blog, comunicati, e-book…), non necessariamente legati a un’offerta commerciale, talmente utili e interessanti da diffondersi spontaneamente presso il pubblico attraverso il passaparola.

EContent invita a non commettere cinque errori capitali: Sbagliare target Sono decisioni che vanno fatte a monte: a chi ci rivolgiamo? Per raggiungere quali obiettivi? Dalle risposte dipende l’intero percorso successivo. Sacrificare la qualità a scapito della quantità Non è necessario diffondere contenuti a getto continuo. Scrivere un titolo coi piedi Un buon titolo deve essere originale, semplice, immediato: deve spingere il destinatario a completare l’informazione parziale che gli viene trasmessa.

Riciclare materiale. Poche, semplici regole per sfondare nel social media marketing. Rendere vincente una campagna di social media marketing è sempre una scommessa. Per ridurne l’imprevedibilità c’è chi ha stilato una lista di ben 21 consigli che abbiamo riassunto così: Non improvvisare Fare marketing (non solo sul web) significa definire obiettivi, pianificare strategie e investire tempo, danaro, energie e creatività. I risultati non sono immediati, richiedono serenità e perseveranza e vanno sia valutati in termini qualitativi che misurati in termini quantitativi: visite, seguaci, vendite, ROI.

Matura autorevolezza Produci contenuti originali, esprimi idee argomentate, diventa utile alla comunità di cui fai parte.

Sport

Gli strumenti di Social Media Marketing da avere per forza. Trend e previsioni di Marketing per il 2013. Social Media Marketing: il futuro secondo Nielsen. Tendenze e previsioni per il Marketing nel 2013. Il Manuale del Giovane Social Media Manager. Untitled. Quest’ultima è stata una settimana piena di impegni, eventi, incontri nel mondo del business della system integration (e del business tout court).