background preloader

Il dramma di un popolo dimenticato

Facebook Twitter

La storia di un popolo nomade, di una nazione e della loro vita, vissuta tra gli attentati che per ora sembrano non dare una tregua, facendo si che il problema di questo popolo sia posto ad un'attenzione generale.



La storia dei curdi in breve, raccontata attraverso articoli, foto, documenti e video. Gruppo di curdi. I curdi.

Questa è una foto che rappresenta la copertina di una biografia, scritta da Felice Froio, che raccoglie storie e testimonianze. Da questo titolo, che mi ha colpito particolarmente, mi sono ispirata per il titolo del pearltrees – ericalonardi

Curdi in “Enciclopedia dei ragazzi” Curdi Enciclopedia dei ragazzi (2005) di Silvia Moretti Curdi Un popolo diviso e senza uno Stato I Curdi sono una popolazione di origine iranica.

Curdi in “Enciclopedia dei ragazzi”

Le origini del problema Il Kurdistan è una regione montuosa dell'Asia Minore vasta circa 450 mila km2, bagnata dai fiumi Tigri ed Eufrate. Il Novecento Dopo la fine della Prima guerra mondiale le potenze vincitrici liquidarono l'Impero ottomano sconfitto dividendo il suo vasto territorio. Il dramma del popolo curdo Nel 1991, alla fine della Guerra del Golfo, una nuova insurrezione indipendentista scoppiata nel Kurdistan iracheno veniva soffocata nel sangue da Saddam Husain.

Nell'attuale divisione degli Stati in Medio Oriente la nascita di uno Stato autonomo del Kurdistan appare ormai un'ipotesi irrealizzabile: nessuno dei paesi coinvolti, infatti, è disposto a cedere aree più o meno ampie del suo territorio a favore del popolo curdo, privandosi delle materie prime di cui quei territori sono ricchi, prima fra tutte il petrolio. Curdi:chi sono.

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Curdi:chi sono

Il Kurdistan in un'immagine della CIA del 1992. I Curdi (in curdo: کورد, Kurd) sono un gruppo etnico indoeuropeo che abita nella parte settentrionale e nord-orientale della Mesopotamia. Tale territorio è compreso in parti degli attuali stati di Iran, Iraq, Siria, Turchia e in misura minore Armenia. L'area è a volte indicata col termine Kurdistan. Chi sono i curdi. I curdi sono un’etnia che abita le regioni montuose a cavallo tra Turchia, Iraq, Siria, Iran e Armenia.

Distinzione e storia dei curdi che vivono nei vari stati (Turchia, Iran,Iraq,Armenia e Siria) – ericalonardi

Spesso ci si riferisce al loro territorio con espressioni come “enclave” e “regione autonoma” oppure usiamo il termine “Kurdistan” associato a uno di questi quattro Paesi.

Chi sono i curdi

Mai una volta, invece, abbiamo sentito la parola “Stato curdo” perché il Kurdistan non è uno Stato. Kurdistan. KURDISTAN (paese dei curdi).

Che cos'è il Kurdistan? che cosa si intende quando si parla di Kurdistan? – ericalonardi

Regione geografica dell'Asia minore compresa tra il mar Nero, l'alta Mesopotamia, la catena anatolica dell'Antitauro e l'altopiano iranico.

Kurdistan

Prevalentemente montuosa, ospita la maggior parte della popolazione di lingua curda (appartenente alla famiglia linguistica indoeuropea) della Turchia, dell'Iraq, dell'Iran, della Siria e dell'ex Unione sovietica. UNA PATRIA NON RICONOSCIUTA. Poiché nessuno dei rispettivi governi ha mai riconosciuto in pieno le aspirazioni autonomistiche curde, non esiste una delimitazione ufficiale dei confini del Kurdistan, né alcun censimento ufficiale della sua popolazione. Secondo le valutazioni più accreditate si calcola comunque che la superficie (di circa 475.000 km) comprenda quasi un sesto della Turchia, un decimo dell'Iran, un sesto dell'Iraq e meno di un decimo della Siria.

Kurdistan.

Questo non è uno stato. Rappresenta il territorio dove i curdi vivono oggi, e per convenzione si da il nome di Kurdistan a quest'area. Anche se la popolazione spera di avere prima o poi un loro stato – ericalonardi

Asia: La guerra dimenticata del popolo Curdo. VENERDI` 3 ottobre 1997 RELATRICE: Dott.sa Mirella GALLETTI - giornalista e autrice del libro "I Curdi nella Storia" I Curdi sono una popolazione iranica in maggioranza musulmana sunnita che abitano la regione montuosa del Kurdistan (paese dei Curdi), un territorio diviso, fin dalla fine del primo conflitto mondiale, tra Turchia, Iran, Iraq e Siria.

La situazione dei curdi nel 1997 – ericalonardi
Asia: La guerra dimenticata del popolo Curdo

Per capire e non dimenticare: breve storia del Kurdistan. Per Kurdistan si intende un'area vasta circa 450.000kmq, abitata dalla popolazione di etnia curda, ma divisa tra Turchia, Iraq ,Siria ed Iran.

Per capire e non dimenticare: breve storia del Kurdistan

La maggior parte del Kurdistan è situata all'interno dei confini turchi per un'area di circa 230.000kmq (30% del territorio turco). È un territorio strategicamente rilevante per la ricchezza di petrolio e le risorse idriche, ma si trova in una situazione di sottosviluppo a causa dell'assenza di un'unità politico-amministrativa.

RifugiatiComunita SituazioneKurdistan Approfondimento. I curdi: un popolo, un’identità, una storia - Geopolitica. Di Shorsh Surme – La questione curda, per quanto ben caratterizzata e definita, non risulta del tutto comprensibile se astratta dal contesto nel quale si è sviluppata: quello della storia del Medio Oriente.

I curdi: un popolo, un’identità, una storia - Geopolitica

Un legame che si è rinsaldato nello scorrere degli avvenimenti del secolo scorso: l’evoluzione dal sistema coloniale all’imperialismo moderno, la scoperta e lo sfruttamento dei giacimenti petroliferi, le guerre mondiali, i conflitti locali e la Guerra Fredda. Queste sono solo alcune delle problematiche che fanno sì che la questione curda si possa considerare assai vicina alle vicende della storia europea. Negli ultimi 20 anni i partiti curdi hanno indirizzato i loro sforzi di lotta, sia armata sia politica, non più soltanto contro le potenze, contro i singoli regimi repressivi dell’Iran, della Turchia, della Siria e prima dell’Iraq.

Kamikaze di 18 anni tra i curdi: strage in Turchia. Mancava poco a mezzogiorno quando a Suruc, la cittadina curda vicino al confine con la Siria e di fronte a Kobane, si è scatenato l’inferno.

Non potevano mancare riferimenti all'attentato di Ankara dello scorso 10 Ottobre. Ecco qui e di seguito alcuni video, articoli e immagini che hanno come tema principale questo atto terroristico, che, ancora una volta, ha come bersaglio la popolazione curda – ericalonardi

Una forte esplosione, provocata da una kamikaze, ha ucciso 30 persone e ne ha ferite oltre 100, fra cui alcune in modo grave.

Kamikaze di 18 anni tra i curdi: strage in Turchia

Ci sono volute meno di due ore per confermare quello che era fin troppo chiaro a molti già dall’inizio: la cittadina, che da mesi ospita migliaia di rifugiati siriani provenienti da Kobane, è stata colpita da un brutale attentato. CorriereTV_Autobomba dell’Isis colpita dai curdi e il kamikaze esplode in aria. SkyTG24_Strage al corteo pacifista curdo ad Ankara, 97 i morti. PanoramaTV_Attentato Ankara: l'esplosione della bomba - video. Ilfattoquotidiano.it_Attacco ad Ankara: Turchia in piazza. Il giorno successivo alla carneficina è il momento della solidarietà.

Ilfattoquotidiano.it_Attacco ad Ankara: Turchia in piazza.

Sono iniziati oggi i tre giorni di lutto nazionale per l’attentato kamikaze alla marcia per la pace organizzata dai filo-curdi, l’attentato più grave della storia della Turchia moderna. Il leader del partito filo-curdo Hdp, Selahattin Demirtas, ha detto che i morti sono più di 120 e i feriti circa 500. Fonti ufficiali parlano invece di 95 vittime e 508 feriti. Internazionale_La Turchia sull’orlo del baratro - Bernard Guetta. È possibile, ma altamente improbabile.

Internazionale_La Turchia sull’orlo del baratro - Bernard Guetta

Volendo potremmo anche sospettare, come fanno molti in Turchia, che Recep Tayyip Erdoğan abbia scelto la strategia della tensione per vincere le elezioni legislative del 1 novembre e che dunque alcuni suoi sostenitori siano responsabili dell’attentato che il 10 ottobre ad Ankara ha provocato almeno 97 morti e 165 feriti (di cui 65 gravi). Potremmo sospettarlo perché il capo di stato turco e il suo Partito per la giustizia e lo sviluppo (Akp), partito islamico-conservatore, hanno perso le elezioni a giugno per la prima volta dopo 13 anni, e le elezioni anticipate in programma fra tre settimane non si annunciano favorevoli, perché Erdoğan non è tipo da lasciarsi emarginare senza reagire e perché Ankara – e questo è un fatto – ha riacceso la guerra con i separatisti curdi del Pkk nella speranza di alimentare uno slancio nazionalista e assicurarsi la maggioranza in parlamento. I turchi hanno appena conosciuto il loro 11 settembre.

Internazionale_Iraq e Stati Uniti liberano 69 ostaggi dello Stato islamico. I curdi sfidano in terrore e tornano in piazza - Ancora Fischia il Vento. Posted on ottobre 12, 2015.

Dopo l'attentato le persone ancora sotto shock decidono di riunirsi di nuovo nella capitale turca per manifestare – ericalonardi

Tags: curdi, Turchia La Turchia è sotto shock per il sanguinoso attacco terroristico nella capitale Ankara. Intanto da questa mattina, migliaia di persone si sono ritrovate nel centro della capitale turca per commemorare le vittime dell’attentato, in cui sono morte almeno 128 persone, almeno secondo il leader del partito filo-curdo Hdp, Selahattin Demirtas (fonti ufficiali riferiscono di 97 vittime). I feriti sono invece 508. Ad aggiornare il bilancio ufficiale è il centro di coordinamento del governo, secondo cui 65 di loro sono in gravi condizioni. Turchia, scontri tra polizia e manifestanti pro-curdi. Il mio pezzo su @la_stampa su vittime strage #Ankara: sogni spezzati di sposi, studenti e famiglie #Turchia #curdi. L'alleanza impossibile tra i compagni atei curdi e il califfato è da Darwin Award. Perché siamo così ciechi da non capire da dove nascono i problemi? Curdi, palestinesi ed altri popoli senza patria.

Siria, dagli Usa 50 tonnellate di armi e munizioni a curdi e ribelli > US ammunition drop in NE Syria, Hasaka region. Corteo di risposta alle bombe e ai morti curdi a Istanbul: #KatilDevlet (Stato Assassino) #Ankara #AnkaraBombing.

Foto dall'alto durante il corteo avvenuto ad Ankara in seguito all'attentato del 10 Ottobre – ericalonardi

Ieri in piazza ad #Ankara c'era gente che sognava una #Turchia migliore #Erdogan #curdi #hdp #elezioni. Mirella Galletti - Storia dei curdi. Le cose cambiano con l'affermarsi del colonialismo e dello stato moderno, argomenti trattati dalla Galletti nei due capitoli successivi.

Qua di seguito troviamo libri e film che hanno come tema principale la storia di questo popolo. Ce ne sarebbero molti altri di libri e film riguardanti i curdi, ma ho fatto una selezione. – ericalonardi

La politica di controllo del territorio messa in atto dagli Ottomani a partire dal 1830 causa le prime rivolte organizzate contro il potere centrale e la nascita del nazionalismo curdo, che troverà fin da subito i suoi limiti nel tribalismo e nella geopolitica della regione. La sconfitta ottomana nella prima guerra mondiale provocò la spartizione del Kurdistan tra Turchia, Persia e protettorati francoinglesi in Siria e in Iraq; la scoperta del petrolio e la sovrapposizione di alcune aree geografiche rivendicate dai curdi con quelle rivendicate dagli armeni causarono il mancato accoglimento delle istanze nazionaliste in sede di conferenza di pace.

Con l'avanzare del XX secolo la storia di ciascuna comunità curda si differenzia anche in modo marcato a seconda dell'entità statale che ne controlla il territorio. La terra del silenzio - Libro - Barut, 2006. Newroz. Vita della popolazione del Kurdistan iracheno - Libro - Nadalini. Chi sono i Barzani curdi? #iltempoelastoria. I consigli del prof. Del Zanna. Film sul genocidio curdo apre il London Kurdish Film Festival - Arabpress. Al-Arabiya (10/04/2014). Segnando il 26° anniversario del genocidio di Al-Anfal in Kurdistan, il London Kurdish Film Festival inaugurerà l’edizione di quest’anno, prevista il prossimo 13 aprile, con la proiezione in anteprima nel Regno Unito del film documentario “1001 mele”. Notizie dalla Sicilia - Quotidiano di cronaca politica turismo - Giornale Siciliano. Trailer I Fiori di Kirkuk.mp4. Sofia Gallo_i lupi arrivano con il freddo.