background preloader

Tsunami

Facebook Twitter

ULTIMO VIDEO 2011 Japon Tsunami - NO VISTO ANTES. Italian Uno tsunami dalla finestra. Come Sopravvivere a uno Tsunami: 18 Passaggi. Passaggi Parte 1 di 4: Prepararsi in Anticipo <img alt="Immagine titolata Survive a Tsunami Step 1" src=" width="728" height="546" class="whcdn">1Conosci il potenziale pericolo in anticipo.

Come Sopravvivere a uno Tsunami: 18 Passaggi

È importante sapere in anticipo se la zona dove vivi è a rischio di tsunami. È probabile che corri qualche rischio se: La tua casa, la scuola o il posto di lavoro sono in una regione costiera, vicino al mare.La casa, la scuola o il posto di lavoro sono a livello del mare o abbastanza bassi e su un terreno pianeggiante o con solo leggeri dislivelli. Se non sai a quale quota sul livello del mare ti trovi, devi informarti. <img alt="Immagine titolata Survive a Tsunami Step 3" src=" width="728" height="546" class="whcdn">4Sviluppa un piano di evacuazione. Parte 2 di 4: Riconoscere i Segnali Rivelatori di uno Tsunami <img alt="Immagine titolata Survive a Tsunami Step 4Bullet1" src=" width="728" height="546" class="whcdn">1Presta particolare attenzione dopo un terremoto. Consigli Avvertenze.

Foto Tsunami: le aree più a rischio nel mondo - 2 di 7. Dal Mediterraneo orientale alle coste americane del Pacifico, dai Caraibi all'Indonesia, le zone dove i terremoti possono scatenare tsunami devastanti Mediterraneo orientaleFotografia di Scott S.

Foto Tsunami: le aree più a rischio nel mondo - 2 di 7

Warren, National Geographic Una delle zone di subduzione meno conosciute è l'arco ellenico tra la Grecia e la Turchia, secondo l'ingegnere civile Costas Synolakis dell'University of Southern California e del Centro Ellenico per le Ricerche Marine. Alcuni dei rischi dell'area, dove si trova anche Limassol (Cipro), nella foto.

Negli ultimi 2.000 anni nel Mediterraneo orientale ci sono stati due terremoti giganteschi, nel 365 e nel 1303, con magnitudo stimate superiori a 8,5 e corrispondenti tsunami, dice Synolakis. Il primo tsunami devastò l'antica Alessandria in Egitto, riferisce Emil Okal un geofisico alla Northwestern University. In media, secondo Synolakis, nel Mediterraneo ci sono stati uno o due tsunami per secolo, e inoltre è molto vulnerabile. Rischio tsunami nel Mediterraneo, le coste più esposte sono quelle di Grecia e Italia. Un terremoto di magnitudo 5.7 è stato registrato ieri sera al largo del Peloponneso in Grecia, ed è stato avvertito in tutto il Sud Italia.

Rischio tsunami nel Mediterraneo, le coste più esposte sono quelle di Grecia e Italia

Non c’è stato nessun allarme tsunami, ma l’evento ha ricordato che l’Europa mediterranea è esposta non solo a un forte rischio sismico, ma anche a un elevato rischio legato alla possibile generazione di maremoti. Un team di ricercatori europei ha realizzato negli scorsi anni una mappa del rischio tsunami in tutta Europa, utilizzando testimonianze storiche prese da libri e cronache antiche.

Da questa mappa emerge un quadro preoccupante: ad essere maggiormente esposte sono le coste della Grecia e quelle dell’Italia, specialmente quelle calabro- siciliane, colpite in passato dal maggior numero di maremoti. Sono esposti al rischio anche i paesi del Nord Africa e del Medio Oriente che si affacciano sul Mediterraneo, oltre alle coste del Portogallo e della Spagna meridionale, sia quelle atlantiche che quelle mediterranee.

Maremoto. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Maremoto

Di solito un maremoto si genera in mare aperto dove l'onda rimane poco intensa e poco visibile e concentra la sua forza in prossimità della costa quando l'onda si solleva e si riversa più o meno dentro l'entroterra (una barca in mare aperto può anche non accorgersi del passaggio di un'onda di maremoto). L'intensità di un maremoto dipende dalla quantità di acqua spostata al momento della formazione del maremoto stesso, intensità valutabile quando l'onda raggiunge le coste: in generale un'onda di maremoto che lungo il litorale non supera 2,5 m in altezza non provocherà grandi danni e i suoi effetti non saranno pericolosi, mentre un'onda di oltre 4–5 m in altezza sarà distruttiva per il litorale investito. L'altezza delle onde di uno tsunami a confronto dell'altezza di un uomo Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]