background preloader

I rifiuti-1c

Facebook Twitter

La spiegazione dei testi. Il riciclo creativo. Per affrontare il problema dello smaltimento dei rifiuti ci ispiriamo alla filosofia delle 4 R: - riduzione dei rifiuti; - riutilizzo dei materiali; - riciclaggio della materia; - recupero. In tutto il mondo si respira una nuova linea di tendenza: dare una seconda vita agli oggetti realizzando creazioni originali, colorate ed accattivanti, invece che farli diventare banali rifiuti. Su internet sono centinaia i siti ed i blog in cui vengono mostrate idee e istruzioni per creare simpatici oggetti senza spendere molto. Posacenere da lattine di birra, collane da tasti di vecchi pianoforti, portariviste e astucci da bottiglie di plastica, comodini da cassette della frutta, borse e portamonete da contenitori di latte e succhi di frutta, casette per uccellini da vecchi scarponi in cuoio, case da bottiglie di vetro, bed and breakfast da autobus abbandonati: sono solo alcuni degli strabilianti esempi di riciclo creativo di oggetti altrimenti destinati a diventare spazzatura.

I rifiuti solidi urbani (R.S.U) Cos’è il riciclaggio? Riciclare i rifiuti è molto importante per ridurre l’impatto che purtroppo lo spreco e il consumo hanno sull’ambiente. L’abitudine più diffusa in molti Paesi, così come in Italia, è quella di non riciclare o di farlo in modo non del tutto corretto e molti di coloro che non compiono questa importante scelta lo fanno di solito per abitudine. Sarebbe bene che le persone apprendessero come riciclare in modo corretto, capendo che il ruolo del consumatore è in realtà piuttosto semplice, e che un gesto che non richiede troppo impegno può dare un contributo forte a una causa così importante. Si tratta di compiere un piccolo sforzo che permette di ottenere una ricompensa davvero importante: salvare il nostro pianeta. Come si fa il riciclaggio dei rifiuti Il riciclaggio altro non è che la trasformazione dei rifiuti. Sistemi di riciclaggio Quando parliamo di sistema di riciclaggio facciamo riferito al processo completo che potremmo suddividere in questo modo: Passi fondamentali per riciclare i rifiuti.

Gestione dei rifiuti. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Per gestione dei rifiuti si intende l'insieme delle politiche, procedure o metodologie volte a gestire l'intero processo dei rifiuti, dalla loro produzione fino alla loro destinazione finale coinvolgendo quindi la fase di raccolta, trasporto, trattamento (riciclaggio o smaltimento) fino al riutilizzo dei materiali di scarto, solitamente prodotti dall'attività umana, nel tentativo di ridurre i loro effetti sulla salute umana e l'impatto sull'ambiente.

Un interesse particolare negli ultimi decenni riguarda la riduzione degli effetti dei rifiuti sulla natura e sull'ambiente, la possibilità di risparmiare e recuperare risorse naturali da essi e la riduzione della produzione di rifiuti stessi. Principi del sistema integrato italiano[modifica | modifica sorgente] Essa affronta la questione dei rifiuti delineando priorità di azioni all'interno di una logica di gestione integrata del problema.

La prevenzione dei rifiuti[modifica | modifica sorgente] Napoli a rifiuti zero? Sarebbe una svolta epocale | Riuso e Riciclo. Spiegazione percentuali. Percentuale rifiuti in italia. Percentuale dei rifiuti in europa. Il ciclo dei rifiuti. Non fate così! Fate così! Spiegazione dei filmati. Riciclaggio del Vetro. Recicle_2.5. Come riutilizzare le BOTTIGLIE -Riciclo creativo. Immondizia differenziata. Inceneritore di Vienna. Come riutilizzare i TAPPI delle bottiglie -Riciclo creativo. Spiegazione delle immagini. Il ciclo del riciclo. Schema sui rifiuti. Schema: rifiuti solidi urbani. Spiegazione della scelta di Wikipedia. Riciclaggio della plastica. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il riciclaggio della plastica è un settore specifico del riciclaggio dei rifiuti, e consiste in un insieme di operazioni che vengono svolte sui rifiuti composti da plastica per ottenere nuovo materiale da reimmettere nei processi produttivi.

Tipologie di materiali plastici[modifica | modifica sorgente] Vari oggetti in plastica utilizzati in ambito domestico. Le materie plastiche più diffuse sul mercato dei prodotti di consumo sono: La raccolta differenziata delle materie plastiche riguarda in particolare gli imballaggi, che costituiscono una percentuale rilevante della plastica contenuta nei rifiuti urbani (oltre il 50%). All’inizio, tale raccolta riguardava solo le bottiglie e i flaconi. Attualmente, si sta allargando la possibilità di riciclaggio anche di imballaggi in plastica utilizzati per gli alimenti, come sacchetti, scatole, vaschette e pellicole per imballaggi. Procedimenti[modifica | modifica sorgente] Il procedimento di riciclaggio può essere: Riciclaggio della carta. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Carta usata in attesa di essere riprocessata. Il riciclaggio della carta è un settore specifico del riciclaggio dei rifiuti.

Il simbolo Unicode della carta riciclata è ♼ (U+267C) e quello della carta parzialmente riciclata ♽ (U+267D). Utilizzo[modifica | modifica sorgente] Gli impieghi fondamentali, per usi civili e industriali, della carta, costituiscono una vasta gamma: cartone ondulatocartoncino per astucci pieghevolicarta utilizzata per sacchi e sacchetti, con varie proprietà: resistente, fragile, filtrante, oleata, cerata, morbida, assorbente… Si tratta di prodotti di uso universale, con indici crescenti di produzione e di domanda, e il cui utilizzo ha a valle una forte e diffusa produzione di rifiuti. Produzione[modifica | modifica sorgente] Come tutti i rifiuti, la carta pone problemi di smaltimento. Partendo dalla fibra del rifiuto cartaceo, circa il 95% viene trasformato in nuova carta.

Applicazioni[modifica | modifica sorgente] Tuttavia: Riciclaggio del vetro. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Un contenitore utilizzato per la raccolta del vetro da riciclare Il riciclaggio del vetro è un settore specifico del riciclaggio dei rifiuti, e consiste in un insieme di operazioni che vengono svolte sui rifiuti composti da vetro per ottenere nuovo materiale da reimmettere nei processi produttivi. Rifiuti[modifica | modifica sorgente] I rifiuti possono avere origine industriale, urbana o di altra natura. Tra i rifiuti industriali in vetro, suscettibili di riciclaggio, hanno una particolare collocazione gli scarti di produzione, cioè quei prodotti in vetro (o loro frammenti) che non sono giudicati idonei alla distribuzione e sono generalmente riciclati nella sede stessa che li ha prodotti.

La loro qualificazione davanti alla legge è molto diversa dalle altre tipologie. I rifiuti in vetro di origine ospedaliera sono soggetti a particolari limitazioni e verifiche. Procedure[modifica | modifica sorgente] Primo trattamento[modifica | modifica sorgente] Riciclaggio dell'alluminio. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il simbolo internazionale per i materiali riciclabili Il riciclaggio dell'alluminio è un settore specifico del riciclaggio dei rifiuti, e consiste in un insieme di operazioni che vengono svolte sui rifiuti composti da alluminio per ottenere nuovo materiale da reimmettere nei processi produttivi.

Il materiale[modifica | modifica sorgente] L'alluminio è un materiale che si presta a una vastità di applicazioni e possibilità di riutilizzo, grazie alle sue proprietà: Leggerezza (un terzo dell'acciaio)Durata: l’ossido superficiale è una barriera alla corrosione atmosfericaConducibilità elettricaConducibilità termicaConducibilità sonoraNon tossicitàAssenza di magnetismoLavorabilità: può essere modellato con tutte le comuni tecniche di lavorazione, più facilmente della maggior parte degli altri metalliVersatilità: possibilità di formare molte leghe, rigide o elasticheRiciclabilità con un costo energetico contenuto.

Procedure[modifica | modifica sorgente] Industria cartaria. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. L'industria cartaria è il settore manifatturiero composto dalle cartiere che si occupano della produzione della carta e del cartone quali semilavorati o supporti ad esempio per la stampa o per l'imballaggio. Si differenzia dall'industria della cellulosa e della pasta legno che, a monte, fornisce la materia prima necessaria alla lavorazione dell'industria cartaria. Si differenzia altresì dall'industria cartotecnica e dall'industria dell'imballaggio che sono settori manifatturieri a valle cioè che utilizzano i semilavorati delle cartiere. L'industria cartaria, pur essendo caratterizzata dall'uso di cellulosa o materiali cellulosici come materia prima, può suddividersi in diverse tipologie a seconda dell'uso finale del prodotto.

Industria cartaria mondiale[modifica | modifica sorgente] Top 10 classifica mondiale 2009 dei produttori di carta e cartone:[1] Dalla stessa fonte le aziende Italiane nel 2009 si sono così posizionate nelle top 100: Rifiuti - wikipedia. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Rifiuti dentro a un cassonetto utilizzato sino a pochi anni fa I rifiuti sono materiali di scarto o avanzo di svariate attività umane. Gli esempi tipici includono i rifiuti solidi urbani, le acque reflue (contenenti rifiuti corporei), il deflusso superficiale della pioggia in idrologia e in particolare nei sistemi di drenaggio urbano, i rifiuti radioattivi e altri. In biologia sono detti rifiuti i prodotti del catabolismo che vengono escreti o che in ogni caso non prendono più parte al metabolismo.[1] Definizione normativa[modifica | modifica sorgente] Italia[modifica | modifica sorgente] Ruspa in azione in una discarica di tipo tradizionale L'atto di "disfarsi" va inteso indipendentemente dal fatto che il bene possa potenzialmente essere oggetto di riutilizzo, diretto o previo intervento manipolativo.

Unione europea[modifica | modifica sorgente] Classificazione[modifica | modifica sorgente] I rifiuti si qualificano anche in base al loro stato fisico: Riciclaggio dei materiali edili. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Per riciclaggio di materiali edili si intende tutto l'insieme di strategie volte a recuperare materiali provenienti da attività di costruzione e demolizione (C&D) e reimpiegarli nel settore delle costruzioni evitando di smaltirli in altro modo.

Classificazione[modifica | modifica sorgente] Il riciclo può essere distinto in riciclo primario, secondario e terziario in funzione del processo subito e delle caratteristiche del prodotto finale: Il riciclo primario, o "riuso", consiste nel riutilizzo direttamente in cantiere degli scarti di lavorazione: in tal modo viene ridotta la quantità di rifiuti prodotti. Vantaggi[modifica | modifica sorgente] Il riciclaggio dei materiali provenienti da attività di costruzione e demolizione si configura come ovvia soluzione al problema dello smaltimento e presenta vantaggi economici per una molteplicità di fattori: Normativa italiana[modifica | modifica sorgente] Fasi del processo[modifica | modifica sorgente]

Riciclaggio dei materiali ferrosi. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il simbolo internazionale per i materiali riciclabili Il riciclaggio dei materiali ferrosi è un settore specifico del riciclaggio dei rifiuti, e consiste in un insieme di operazioni che vengono svolte sui rifiuti composti da ferro per ottenere nuovo materiale da reimmettere nei processi produttivi. Il ferro si utilizza in varie forme (ghisa, acciaio da costruzione, acciaio speciale, acciaio per utensili, ecc.) in base alle specifiche caratteristiche che sono richieste: durezza, malleabilità, resistenza fisica o chimica, ecc.. Tipologie di materiali[modifica | modifica sorgente] Il riciclaggio dei materiali ferrosi viene effettuato a partire da rifiuti provenienti da: Raccolta differenziata su suolo pubblico,Centri di raccolta industrialiImpianti di incenerimento dei rifiuti, dove i materiali ferrosi vengono estratti magneticamente.

L'acciaio è presente negli imballaggi in varie forme: Procedure[modifica | modifica sorgente] Spiegazione testi. Rifiuti In Italia. Il ciclo naturale che regola la vita di tutti gli esseri viventi non prevede il concetto di rifiuto, in quanto, ciò che viene scartato da alcuni organismi, rappresenta una risorsa per altri esseri. Ma le attività gestite dall'uomo sono basate utilizzo di materia ed energia dell'ambiente per produrre beni di consumo, e quindi una successiva produzione di rifiuti che vengono poi scaricati nell'ambiente stesso. Il rifiuto è un semplice scarto che, non facendo parte del ciclo della materia e dell'energia, rappresenta un serio problema per il pianeta. Un problema che peraltro l'uomo potrebbe trasformare progressivamente in una preziosa e abbondante risorsa in quanto costituisce una fonte alternativa, che viene però poco sfruttata a causa del suo elevato tasso di inquinamento dovuto alla combustione.

Un sistema per smaltire i rifiuti è quello del deposito in discariche controllate. Gli impianti in cu ->Torna a Movimento Ambientalista. Il riciclo del legno. Perchè suddividere i Rifiuti? Cos'è la Raccolta Differenziata? Enea-tecnologia del riciclaggio. I rifiuti rappresentano un’enorme opportunità di crescita sostenibile in termini di riduzione del consumo di risorse naturali e di sviluppo ed implementazione di tecnologie per il riciclo di materia ed il recupero di energia. Nell’articolo, alcuni esempi di approcci tecnologici per sfruttare le potenzialità dei rifiuti nell’ottica della green economy Claudia Brunori, Lorenzo Cafiero, Danilo Fontana e Fabio Musmeci (download pdf) L’industria legata ai rifiuti è stata tra le più floride negli ultimi decenni e, indubbiamente, tra quelle con il fatturato più rilevante nel campo dell’industria ambientale.

Sebbene possa sembrare una contraddizione, i rifiuti rappresentano attualmente una delle maggiori opportunità di crescita sostenibile per il sistema Europa e per il nostro Paese, carente di risorse primarie, in particolare. L’Unione Europea si è mossa già da tempo in questa direzione con una serie di provvedimenti e normative inerenti la gestione integrata dei rifiuti.

Fonte: ENEA Fonte: D.