background preloader

Indicazioni Nazionali 2012 - Curricolo di Istituto - UdA

Facebook Twitter

Indicazioni Nazionali infanzia e primo ciclo - 2012. Indicazioni Nazionali - IRC. I.N. e curricolo: i fili rossi della continuità - Relazione Prof. Fiorin. Modelli di curricoli generali per competenze chiave, basati sulle Indicazioni 2012 – Franca Da Re. In allegato, sono riportati dei modelli di curricoli per competenze, organizzati secondo le competenze chiave europee (Raccomandazione 18.12.2006) e basati sulle Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di Istruzione del 2012.

Modelli di curricoli generali per competenze chiave, basati sulle Indicazioni 2012 – Franca Da Re

Sono consultabili il modello di curricolo per la scuola dell’Infanzia e quello per il primo ciclo. Curricolo_Infanzia_Indicazioni_2012 Curricolo_1_Ciclo_Indicazioni_2012 Sono anche reperibili delle brevi presentazioni per ciascuno. Presentazione_Curricolo_ primo_ciclo_Indicazioni2012 Presentazione_curricolo_infanzia_Indicazioni2012 Essi sono strutturati per tabelle che riportano la descrizione dei risultati di apprendimento articolati per competenze, abilità e conoscenze; le “evidenze” della competenza, con esempi di compiti significativi per svilupparla; le rubriche con i livelli di padronanza.

Per l’approfondimento delle questioni relative alla didattica per competenze, si rimanda al testo: Modelli di curricoli per competenze chiave articolati anno per anno – Franca Da Re. Di seguito si propongono i modelli di curricoli per competenze chiave, basati sulle Indicazioni 2012, articolati anno per anno.

Modelli di curricoli per competenze chiave articolati anno per anno – Franca Da Re

Non cambiano, ovviamente, le competenze chiave, né quelle culturali specifiche, che restano sempre uguali; vengono sgranate nel tempo le abilità e le conoscenze. Si precisa, però, che questi curricoli rappresentano meri esempi di metodo e non costituiscono in alcun modo indicazioni d’obbligo. Le scuole potranno utilizzarli come ispirazione per i propri, apportando tutte le modifiche che riterranno opportune, specialmente nella scansione e nel contenuto delle micro-abilità e delle conoscenze.

Ricordiamo, infatti, che le Indicazioni sono prescrittive solo nei Traguardi. Formato per la redazione di Unità di Apprendimento e griglia di osservazione – Franca Da Re. Viene presentato un modello per la progettazione di Unità di Apprendimento baste sui curricoli per competenze chiave.

Formato per la redazione di Unità di Apprendimento e griglia di osservazione – Franca Da Re

Il modello è organizzato in forma di progetto, con una parte generale di descrizione dell’unità, la consegna agli studenti, le fasi in cui il compito si struttura, il diagramma di Gantt e una traccia per la relazione finale individuale dello studente. Nella parte generale, si individua il prodotto finale dell’Unità, le competenze chiave che essa vuole sviluppare, articolate in competenze, culturali e relative abilità e conoscenze. Si individuano, per ogni competenza, le “evidenze”, ovvero i comportamenti che la rendono manifesta e che rappresentano i criteri di valutazione (ricordiamo che, nel modello di curricolo del primo ciclo, le “evidenze” sono rappresentate dai Traguardi delle Indicazioni) della prestazione. Vengono individuati gli alunni destinatari, stimato il tempo necessario, gli strumenti, le modalità di valutazione. Format UdA commentato. Progetto Curriculum Mapping. Impara Digitale propone una piattaforma di “Curriculum Mapping”, o mappatura dei corsi di studio, come strumento essenziale per facilitare: condivisione dei programmi tra docenti della stessa disciplina e tra scuole dello stesso network educativo; la loro supervisione da parte dei coordinatori didattici; la fruizione ordinata e integrata dei contenuti didattici digitali da parte degli studenti.Mappare il curriculum significa rendere intelligibile, condivisibile e trasparente il curriculum scolastico e le sue componenti.

Progetto Curriculum Mapping

Con il curriculum mapping si possono vedere in modo sinottico i valori educativi fondamentali della scuola, le competenze di riferimento, la loro applicazione nei diversi assi culturali e livelli o gradi di scuola, la programmazione annuale per ogni anno e ciclo scolastico e la strutturazione delle unità formative della programmazione. UdA nell'organizzazione del percorso formativo curricolare - Didattica. Che cos’è l’Unità di Apprendimento?

UdA nell'organizzazione del percorso formativo curricolare - Didattica

Come si colloca nel percorso formativo progettato? Il contributo che segue, tratto e adattato dal volume Una rete per le competenze, Report finale delle attività dei progetti FSE 1758/2009 realizzati) offre un contributo per comprenderlo. (ultrima revisione dell’8 marzo 2014-M.R.Zanchin) L’Unità di Apprendimento (UdA) è “un pezzo” del percorso formativo (o curricolo). Sviluppa un argomento o meglio un campo di apprendimento, preferibilmente integrato, cioè affrontato da più discipline e insegnanti, con l’apporto di più punti di vista. Il punto di partenza – e di arrivo – è un prodotto che gli allievi sono chiamati a realizzare, mobilitando così una serie di conoscenze (saperi) a abilità (saper fare) e maturando gradualmente le competenze previste dai docenti che la progettano.

In un anno scolastico attraverso la realizzazione di alcune UdA si vanno man mano a coprire tutti i risultati attesi previsti dalla certificazione delle competenze Format dell’UdA. Flipped classroom repository - raccolta di unità di apprendimento liberamente condivise dagli insegnanti.